Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Umbria Jazz Winter, a Orvieto la 30/a edizione

Umbria Jazz Winter, a Orvieto la 30/a edizione

La manifestazione in programma dal 28 dicembre al primo gennaio

PERUGIA, 07 dicembre 2023, 12:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Umbria Jazz Winter compie 30 anni: la prossima edizione è in programma a Orvieto dal 28 dicembre al primo gennaio.
    Nel 1993 Umbria Jazz - ricorda il festival in una sua nota - viveva una fase di grande crescita, complice anche il supporto, per la prima volta, di importanti marchi commerciali che le facevano da sponsor accompagnando il suo cammino verso una dimensione di evento di portata mondiale. Il festival, dunque, era maturo per giocare una nuova scommessa: una manifestazione gemella, da svolgersi in inverno. Un festival nel periodo tra Natale e Capodanno era una novità, ed in qualche modo riempiva un buco nell'offerta culturale e turistica dell'Umbria. Orvieto fu la città scelta, per molti motivi che vanno dalla bellezza del suo centro storico alla disponibilità di location adeguate.
    Da non trascurare anche la favorevole posizione geografica, lungo l'asse autostradale e ferroviaria Roma-Firenze.
    "Decisivi furono però l'entusiasmo degli orvietani, dalle istituzioni locali al mondo del commercio, e, come sempre, il sostegno della Regione. Un entusiasmo che non è venuto meno in questi trent'anni di storia". Il festival si svolge in luoghi chiusi: da qui la scelta di programmi curiosi, colti ma non elitari. E anche questo spiega perché alcuni dei momenti chiave della storia di Umbria Jazz siano accaduti a Orvieto: un episodio su tutti, il magico duo di chitarra Jim Hall - Bill Frisell, serata da non dimenticare, nemmeno per il frequentatore di jazz festival più smaliziato.
    Con il tempo il festival ha aggiunto anche un'apertura più decisa alla sua vocazione turistica con i veglioni di fine anno e la performance dei cori Gospel nel duomo il pomeriggio di Capodanno.
    In programma, quest'anno, nei cinque giorni di festival, 120-140 ore di musica; 22 band; 79 eventi con circa 140 artisti in sette location.
    Si comincia alle 11.30 con la Street parade dei Funk Off e si finisce alle ore piccole. Una non stop di musica in cui è possibile disegnare il proprio personale itinerario.
    Le location, tutte nel cuore del centro storico, sono il teatro Mancinelli, la Sala dei 400 e la Sala Expo del Palazzo del Capitano del popolo, il Palazzo dei sette, il Museo Emilio Greco.
    I cenoni per festeggiare l'arrivo del nuovo anno con tanta buona musica dal vivo si terranno nel Palazzo dei Sette - Meeting Point Bistro e nella Sala Expo del Palazzo del Capitano del Popolo. Qui saranno anche i Jazz Lunch e Jazz Dinner, per chi vorrà coniugare la musica con la buona cucina orvietana.
    Nel Palazzo dei Sette va in scena musica no-stop dall'ora di pranzo fino a notte.
    Ashley Kahn, critico musicale, giornalista e scrittore, sottoporrà a un blindfold test (si fanno ascoltare dei brani a un musicista che deve indovinare l'esecutore) Cécile McLorin Salvant. Il test "alla cieca", inventato più di sessant'anni fa da Leonard Feather per la storica rivista americana DownBeat, si svolgerà il 30 dicembre alle ore 11.00 nella Sala dei 400 del Palazzo del Capitano del Popolo (ingresso gratuito).
    Nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, dal 7 dicembre al 7 gennaio è anche aperta una mostra dei manifesti del festival.
    Continuano poi le iniziative dedicate ai più piccoli che la Fondazione Umbria Jazz porta avanti da alcuni anni, in collaborazione con il mondo della scuola e le istituzioni.
    In cartellone, fra l'altro, una nuova produzione originale del festival con la Umbria Jazz Orchestra, Joe Lovano, arrangiamenti e orchestrazioni di Michael Gibbs e la partecipazione di Steve Wilson, Peter Washington e Lewis Nash.
    Il capitolo omaggi comprende lo spettacolo di musica e reading Viva/De André, a cura di Luigi Viva, con ospite Danilo Rea; We Wonder, dedicato a Stevie Wonder con il classico quartetto di Fabrizio Bosso con ospite speciale Nico Gori, sax e clarinetto; Dear Dexter, quintetto con Piero Odorici, in memoria del grande Dexter Gordon.
    Una delle star del festival è Cécile McLorin Salvant, astro della vocalità, con un pregevole sestetto. Si potranno anche ascoltare, fra gli altri, Tarantino, Fortner, Nakamura e Ogawa, ovvero il quartetto di Alexa Tarantino, sassofonista in grande ascesa.
    Enrico Rava torna alla testa di un quintetto, i Fearless Five.
    Poi Alessandro Lanzoni e Francesco Cafiso, Ray Gelato & The Giants, Olivia Trummer.
    Una fotografia in bianco e nero della musica americana delle radici, quando il jazz stava nascendo e le sue forme erano ancora arcaiche: è questa la mission degli Sticky Bones, band italianissima. Nel nuovo album di Filippo Bianchini e Luca Mannutza, "A tu per tu", c'è il senso di un incontro musicale.
    Un incontro che si ripete dal vivo.
    Quest'anno torna in Umbria il Virginia State Gospel Choir, che ad una imponente presenza scenica (30 elementi sul palco) unisce un altissimo livello musicale. Umbria Jazz Winter offre inoltre come di consueto una vetrina di prestigio riservata ai musicisti emergenti.
    "Abbiamo fatto tutto il possibile - ha spiegato Gian Luca Laurenzi, presidente della Fondazione Umbria Jazz - in condizioni non facili, per celebrare al meglio il trentesimo anniversario di Umbria Jazz Winter. Pensiamo di esserci riusciti. Abbiamo recuperato tutte le location utilizzate nelle passate edizioni e allestito un programma artistico degno della ricorrenza.
    Il festival orvietano per noi è importante, oltre che per la sua storia - non sono molti i festival jazz italiani con alle spalle 30 anni di vita - perché ha ampliato la dimensione regionale del marchio Umbria Jazz, poi ulteriormente esteso anche a Terni.
    Umbria Jazz è diventata un sistema di festival che fa dell'Umbria uno dei centri mondiali del jazz".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza