Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Stretta solo su pensioni anticipate, più soft per medici

Stretta solo su pensioni anticipate, più soft per medici

Sanitari al lavoro fino a 70 anni, fondi a Regioni e sicurezza

08 dicembre 2023, 07:27

Enrica Piovan

ANSACheck

Un medico - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un medico - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un medico - RIPRODUZIONE RISERVATA


Cambia la controversa norma della manovra che taglia le pensioni di medici, enti locali, maestri e ufficiali giudiziari: le penalizzazioni restano solo per chi esce anticipatamente, mentre arriva un alleggerimento sui tagli per medici e infermieri. L'atteso emendamento del governo è stato depositato in serata in commissione Bilancio, insieme ad altre due modifiche sugli enti locali e il comparto difesa e sicurezza, e conferma le correzioni già annunciate dall'esecutivo.
Nel cambio di rotta sulle pensioni, vengono esclusi dalla stretta gli assegni di vecchiaia e sarà penalizzato solo chi esce anticipatamente: non rientreranno però in ogni caso nelle nuove disposizioni le pensioni di coloro che maturano i requisiti entro quest'anno. Per medici e infermieri, che se vorranno potranno rimanere al lavoro fino a 70 anni, la stretta sarà comunque più soft: per chi sceglie l'uscita anticipata, è prevista una riduzione di un trentaseiesimo del taglio per ogni mese in più di permanenza al lavoro. Per tutte le pensioni anticipate è prevista inoltre una revisione delle finestre d'uscita, con un posticipo della decorrenza di un mese se si maturano i requisiti nel 2025, di 2 mesi se si maturano nel 2026, di 4 mesi per chi li matura nel 2027 e di 6 mesi a partire dal 2028. Complessivamente l'intervento nel suo insieme non appesantirà le finanze pubbliche nel medio periodo, garantendo, assicura la relazione tecnica, un sostanziale equilibrio dei conti.
Depositati in commissione Bilancio anche altri due emendamenti del governo: uno sugli enti locali, con 105 milioni di ristori Irpef per le regioni e province autonome e 100 milioni per il caro-energia alle regioni ordinarie (cui vengono anche ridotti per 250 milioni gli stanziamenti per investimenti pluriennali); uno per il comparto difesa e sicurezza, con nuove risorse per trattamenti economici accessori e polizze assicurative. Atteso per sabato o lunedì mattina invece il quarto emendamento sugli investimenti.
Arriva intanto tra le polemiche il primo via libera al decreto anticipi. La proroga della rottamazione quater fa gridare al "condono" le opposizioni, che si scagliano anche contro la norma sugli extraprofitti delle società energetiche.
Il decreto collegato alla manovra incassa l'ok del Senato con 87 voti favorevoli e 46 contrari: il testo, che scade il 17 dicembre, passa ora alla Camera dove lo attende un percorso rapido e blindato dalla fiducia. Ma a far rumore è un emendamento firmato dal senatore azzurro Claudio Lotito, che proroga i termini scaduti delle prime rate della rottamazione quater. Non è una proroga ma un "condono", attaccano le opposizioni, che ne chiedono il ritiro: tra bagarre e sospensioni arriva comunque il via libera dell'Aula. Si riaprono dunque i termini per chi ha optato per la rateizzazione dell'importo: il pagamento delle rate che andavano saldate entro il 31 ottobre e il 30 novembre sarà possibile fino al 18 dicembre.
Non piace alle opposizioni nemmeno la norma che cambia gli extraprofitti per le società energetiche. "Non bastava accanirsi sulle famiglie dicendo No alla proroga del mercato tutelato, ora arriva anche il regalo di Natale per le società energetiche", che avranno un "beneficio di almeno 450 milioni per i bilanci 2023", attacca la segretaria del Pd Elly Schlein. "Con Giorgia Meloni saldi e sconti per banche e grandi società energetiche e salasso per i cittadini alle prese con l'aumento di mutui e bollette", rincara il leader M5s Giuseppe Conte. Novità anche per gli affitti brevi: oltre al Codice identificativo nazionale arriva l'obbligo di dotare gli appartamenti di sistemi di rilevamento di gas ed estintori. Modifiche anche per i contributi previdenziali che le società dovranno versare per i lavoratori sportivi: la percentuale andrà calcolata entro un tetto massimo. Salvo infine l'accesso al credito per le imprese con la riforma del fondo di garanzia. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza