Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Arriva lo stop al salario minimo, caos e cartelli in Aula

Arriva lo stop al salario minimo, caos e cartelli in Aula

Schlein: 'Avanti con le altre opposizioni'. Conte: "Meloni pilatesca"

ROMA, 07 dicembre 2023, 13:27

Redazione ANSA

ANSACheck

Salario minimo: bagarre alla Camera, seduta sospesa - RIPRODUZIONE RISERVATA

Salario minimo: bagarre alla Camera, seduta sospesa - RIPRODUZIONE RISERVATA
Salario minimo: bagarre alla Camera, seduta sospesa - RIPRODUZIONE RISERVATA

'Salario minimo negato', 'Sfruttamento legalizzato', 'Non in nostro nome'. I deputati dell'opposizione sono tutti in piedi con i cartelli in mano, qualcuno grida 'Vergogna!' verso i banchi del governo. Si chiude così - con il vice presidente di turno Fabio Rampelli costretto a sospendere la seduta - l'ultima battaglia in Aula alla Camera sul salario minimo. Già il giorno prima la seduta era stata ad alta tensione con tutti i leader di opposizione che avevano ritirato le loro firme dalla proposta di legge nata come salario minimo a 9 euro e arrivata in Assemblea col nome di 'Deleghe al governo in materia di retribuzione dei lavoratori e di contrattazione collettiva'. L'approvazione del nuovo testo di maggioranza arriva fra le urla. Nella sua dichiarazione di voto il leader di SI, Nicola Fratoianni, dà le spalle alla maggioranza ("come voi - attacca - che voltate le spalle al Paese reale").

"Oggi è un giorno triste - scandisce la segretaria Dem Elly Schlein - oggi che accartocciate con una mano la proposta di salario minimo delle opposizioni e con l'altro date un manrovescio a milioni di lavoratori poveri. Andremo avanti con questa battaglia con tutte le opposizioni". Il governo "pilatesco" di Giorgia Meloni - accusa il leader M5s Giuseppe Conte - "dice no all'Italia e a 3,6 milioni di cittadini che prendono buste paga vergognose e sono sicuro che anche gli elettori che hanno sostenuto questa maggioranza hanno amici e parenti che hanno difficoltà ad arrivare a fine mese, a pagare il mutuo. Andremo avanti e vinceremo questa battaglia". Prossime tappe su questo fronte saranno certamente la manovra con il centrosinistra che ha già presentato emendamenti sul salario minimo e la proposta di legge d'iniziativa popolare sulla quale stanno raccogliendo le firme.

Il centrodestra, dal suo canto, rivendica la propria scelta. "La bagarre alla Camera? - dice di prima mattina la premier Giorgia Meloni a proposito di quanto accaduto ieri - Un po' sorrido: M5s e Pd ci dicono che il salario minimo è l'unica cosa che va fatta in Italia ma in dieci anni al governo non l'hanno fatta". Meloni va anche all'attacco di quei sindacati che "vanno in piazza per rivendicare il salario minimo e quando vanno a trattare i contratti collettivi accettano poco più di cinque euro all'ora come accaduto di recente con il contratto della sicurezza privata". Il riferimento è evidentemente a Cgil e Uil mentre da Ugl e Cisl il via libera alla delega al governo sulle retribuzioni viene letta come una vittoria. "Il progetto di un salario minimo legale indifferenziato è affondato - dice Luigi Sbarra - battuto in Parlamento a favore di un'impostazione che mette al centro il rafforzamento della contrattazione collettiva. Si apre una pagina nuova".

Con l'ok alla delega il governo avrà - dopo l'approvazione in Senato - sei mesi di tempo per i decreti attuativi della legge quadro che dovranno avere poi il parere delle commissioni competenti delle Camere. Tra i principi della delega "garantire a ogni lavoratore e lavoratrice una retribuzione equa e sufficiente". Un obiettivo da raggiungere "rafforzando la contrattazione collettiva" e prendendo a riferimento i "trattamenti economici complessivi minimi dei contratti collettivi nazionali maggiormente applicati". Abbiamo scelto la delega - spiega il presidente della commissione Lavoro e firmatario della proposta, Walter Rizzetto (FdI) perché "su questo tema serve un approfondimento, non vogliamo prendere tempo". "Ho ascoltato tante proposte - assicura il sottosegretario al Lavoro, il leghista Claudio Durigon - anche da parte dell'opposizione e posso garantire fin da oggi che nella legge delega che ci è stata data come governo tanti concetti saranno contenuti e sarà sicuramente concertata con le parti sociali. Credo che oggi, nonostante tutto, sia una buona giornata". . 

Video Salario minimo, Schlein: 'Non in nostro nome'

 

 

Video Salario minimo: bagarre alla Camera, seduta sospesa

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza