Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Grillo show in Tv ed attacca la Bongiorno, 'fa comizietti'

Grillo show in Tv ed attacca la Bongiorno, 'fa comizietti'

Ho fondato M5s ma non sono in grado di guidarlo. Di Maio? Ha tradito

ROMA, 18 novembre 2023, 19:49

di Yasmin Inangiray

ANSACheck
Grillo show in Tv - RIPRODUZIONE RISERVATA

Abito blu e campanella in mano "se vado fuori tono mi suoni". E' l'esordio di Beppe Grillo, nel salotto di Fabio Fazio a Che Tempo che fa su Nove, palcoscenico scelto per siglare il suo ritorno in Tv dopo 9 anni di assenza.
    Uno show vecchia maniera dove l'attualità politica (poca) si framezza con aneddoti e gag lasciando spazio anche ad un passaggio al vetriolo su una vicenda che lo tocca da vicino. Il protagonista è suo figlio Ciro, a processo per presunta violenza sessuale. Grillo non lo cita ma punta il dito contro contro Giulia Bongiorno, senatrice della Lega ma soprattutto avvocato che difende la presunta vittima: "E' un avvocato - dice parlando della Bongiorno - presidente della commissione Giustizia, è una senatrice della Lega che fa comizietti davanti ai tribunali, dove c'è una causa a porte chiuse... E' inopportuno. Si mischia tutto e vediamo cosa succede".
    L'ultima volta che il garante del Movimento Cinque Stelle si era seduto in un salotto televisivo risale al 2014 con Bruno Vespa (all'epoca non tornava in Rai da 21 anni): "Sono qui per capire se sono il peggiore - dice rivolto alla platea - se ho peggiorato questo Paese, non è una battuta. Dopo l'ultima intervista con Vespa abbiamo perso elezioni, tutti quelli che ho mandato a fanculo sono al governo quindi sono il peggiore". E va proprio alla sua creatura, il Movimento, il primo pensiero: "Ho una confusione totale", dice "non posso condurre e portare a buon fine un movimento politico, non sono in grado". E a Fazio che gli fa da spalla e gli fa notare il perchè non se ne fosse accorto prima, replica: "Ma c'era Casaleggio, lui era un organizzatore e aveva del metodo, io faccio danni anche da solo quando sono a casa". E non manca un piccolo momento di riflessione: "Ho fondato il Movimento" confessa "ma mi ero iscritto al Pd, ad Arzachena".
    Il comico è un fiume in piena tanto che Fazio ad un certo punto gli chiede come mai non si sia mai messo in prima persona a fare politica: "La politica la facciamo tutti, io la facevo quando facevo la spesa, parlavo dell'acqua pubblica o della macchina ad idrogeno" poi "mi hanno chiesto: e ora? Cosa facciamo? Ora che ce lo hai detto? Ok - ho risposto - le prendiamo e le portiamo dentro le istituzioni".
    Una politica che gli ha regalato più di un dispiacere. Uno su tutti, traspare, quanto accaduto con Di Maio. Sull'ex delfino l'affondo arriva a metà show quando diventa suo malgrado protagonista "Giggino a cartelletta": "Era il politico più preparato, ma non pensavamo si facesse prendere dal potere.
    L'abbiamo scelto io e lui, Conte. Io guardavo i programmi, le idee, se è di destra o sinistra non importa, se un'idea è buona.
    Ma poi ci ha pugnalato...". Toni diversi per Giuseppe Conte "Prima parlava come un professore, ora è migliorato ci mette un po' di cuore".
    Usa invece toni diversi proprio Luigi Di Maio che qualche ora prima, ospite della trasmissione in Mezz'ora ricorda invece con affetto il comico ligure. Nessuna intenzione di tornare in politica - assicura - anche perchè "gli italiani si sono espressi. E dopo aver preso meno dell'1% continuare sarebbe accanimento terapeutico". Ma parlando di Grillo si confessa: "Non lo sento da un sacco di tempo, ma il bene che provo nei suoi confronti è assolutamente invariato, poi ognuno ha preso la sua strada". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza