Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La profezia di una "bandiera rossa" al Colle

La profezia di una "bandiera rossa" al Colle

Scritta in una vecchia canzone del Pci

23 settembre 2023, 10:26

Redazione ANSA

ANSACheck

Giorgio Napolitano - RIPRODUZIONE RISERVATA

Giorgio Napolitano - RIPRODUZIONE RISERVATA
Giorgio Napolitano - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Su, comunisti della capitale, è giunto alfine il dì della riscossa, quando alzeremo sopra al Quirinale bandiera rossa''. E' la prima strofa di una canzone del vecchio Pci di Roma che oggi sembra una profezia, vista l'elezione di Giorgio Napolitano al Colle, primo ex Pci della storia repubblicana. I militanti comunisti più anziani se la ricordano ancora per averla cantata in mille cortei sin dai tempi del dopoguerra. Ma anche i più giovani per averla ascoltata in molte delle raccolte di canzoni politiche italiane, pubblicate recentemente.

Una canzone antica che nel corso degli anni ha subito varie trasformazioni. Infatti, la canzone nasce a Civitavecchia, composta da alcuni nuclei anarchici. Successivamente è stata adottata dal Partito Comunista italiano. Ma una volta fatta propria dal Pci, si racconta, ha subito varie modifiche nel testo. La seconda strofa inizialmente recitava: ''Questa città ribelle e mai domata dalle rovine e dai bombardamenti; la guardia rossa suona l'adunata: tutti presenti''.

Il Partito comunista, si dice, avrebbe cambiato l'ultimo verso sostituendo la ''guardia rossa'' con il nome del ''Migliore'', Palmiro Togliatti. Ma questa non è l'unica canzone che fa riferimento alla ''conquista'' del Quirinale come obbiettivo finale di una forza politica. Stelvio Garasi, memoria storica della sezione Ds Centro Storico, la stessa di Napolitano, ricorda che i repubblicani romani, nei primi del '900, concludevano il loro inno, ''Bandiera Rossa'', con l'auspicio in romanesco di ''annà a Montecavallo'', il nome popolare con cui all'epoca era indicato il Quirinale, di cui è rimasta traccia nel nome di una strada adiacente al Colle, Via Montecavallo.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza