Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Parigi, l'attentatore conosceva altri terroristi islamisti

Parigi, l'attentatore conosceva altri terroristi islamisti

Nel 2016 i suoi contatti con altri autori di azioni in Francia

PARIGI, 03 dicembre 2023, 15:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Armand Rajabpour-Miyandoab, l'attentatore che ieri a Parigi ha ucciso un turista tedesco e ferito altre due persone al grido di 'Allah Akbar', era stato in contatto, in passato con i terroristi islamisti degli attentati di Magnanville (assassinio di una coppia di poliziotti) e di Saint-Etienne-du-Rouvray (parroco sgozzato in chiesa dopo la messa). Lo si apprende da fonti dell'inchiesta che confermano informazioni di Le Parisien.
    Nel 2016, infatti, quando fu arrestato per il suo progetto di attentato nel quartiere degli affari parigino della Défense, Rajabpour-Miyandoab aveva fra i suoi amici di Facebook Larossi Aballa, l'assassino di Magnanville, poi abbattuto dalle teste di cuoio dopo il suo duplice omicidio il 13 giugno 2016.
    Nello stesso anno, l'aggressore della Tour Eiffel parlò con Adel Kermiche, uno dei due terroristi che sgozzarono in chiesa il sacerdote Jacques Hamel, il 26 luglio 2016. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza