Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Le medie imprese potrebbero emettere bond per 17 miliardi

Le medie imprese potrebbero emettere bond per 17 miliardi

Studio Cerved-Sella investment banking, il 65% in forma 'green'

MILANO, 13 novembre 2023, 12:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un mercato potenziale di quasi 17 miliardi di euro. È quello delle obbligazioni che le 'Mid-Cap' italiane potrebbero emettere per sostenere i propri investimenti e processi di crescita, con oltre 11 miliardi (circa il 65%) che potrebbero essere emessi nella forma di "green bond". Lo afferma uno studio realizzato da Cerved rating agency e Sella investment banking sulle opportunità legate al mercato corporate bond in Italia per le società quotate con media capitalizzazione e sul potenziale delle emissioni di green bond.
    "La politica europea ha riaffermato anche di recente la necessità di colmare il divario tra il mercato dei capitali europeo e quello statunitense per accelerare gli investimenti necessari per la transizione green e digitale", commenta Fabrizio Negri, amministratore delegato di Cerved rating agency, secondo il quale "in uno scenario di mercato contraddistinto dal più rapido rialzo dei tassi di interesse nell'epoca euro, i bond, come emerge dalla ricerca basata sui nostri rating, rappresentano una valida fonte aggiuntiva".
    "Con l'attuale crescente attenzione alla sostenibilità, il ruolo del mercato dei capitali sarà sempre più cruciale per fornire le risorse private necessarie alla transizione", aggiunge Giacomo Sella, Head of Sella corporate & investment Banking, spiegando che "ricorrere a emissioni obbligazionarie Esg offre alle aziende l'opportunità di accedere a uno strumento finanziario flessibile e in grado di tracciare l'impatto ambientale e sociale positivo generato dai loro investimenti", conclude Sella.
    Guardando alla dimensione aziendale espressa in termini di fatturato, la ricerca evidenzia una certa omogeneità fra le diverse fasce: le imprese con fatturato tra i 30 e 100 milioni potrebbero emettere poco più del 30% dei 16,6 miliardi di potenziale complessivo, mentre le aziende con ricavi compresi tra i 100 e i 300 milioni raggiungerebbero il 47,6% del totale.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza