Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ex Ilva: Confindustria Taranto, urgono risorse decarbonizzazione

Ex Ilva: Confindustria Taranto, urgono risorse decarbonizzazione

Incontro con il ministro dell'Ambiente Pichetto Fratin

TARANTO, 02 dicembre 2023, 16:56

Redazione ANSA

ANSACheck

All'indomani della conversione in legge del Decreto Energia, il presidente di Confindustria Taranto Salvatore Toma ha incontrato a Roma il Ministro all'Ambiente Gilberto Pichetto Fratin, illustrando "le molteplici attività che l'associazione degli industriali di terra jonica sta portando avanti nel segno della diversificazione produttiva (cantieristica, nautica da diporto, eolico on shore e off shore)". Lo riferisce una nota dell'associazione degli industriali. In merito ai processi di decarbonizzazione, "il Governo - si aggiunge - ha confermato l'impiego di un miliardo di euro spostandolo dal Pnrr al fondo FSC: una scelta, è stato ribadito dal Ministro, voluta proprio in virtù di precise necessità. In particolare, la possibilità di poter spendere nei modi e tempi giusti tutte le risorse messe a disposizione senza quei vincoli temporali che invece il Pnrr avrebbe imposto".
    Il ministro dell'Ambiente, aggiunge l'associazione, "a questo proposito, ha assicurato che le risorse saranno a breve allocate nel Fondo Coesione e Sviluppo, anche e soprattutto per consentire a Dri Italia - che a partire da gennaio prossimo avvierà un rapporto di collaborazione con Confindustria Taranto - di procedere con l'attività dell'impianto, indispensabile per poter parlare di conversione in chiave green dello stabilimento siderurgico". Da parte del presidente Toma è stata "sottolineata l'urgenza di garantire tali risorse perché le stesse sorti dello stabilimento, su cui gravano al momento una serie di incognite, sono legate a doppia mandata a quelle dell'auspicato processo di decarbonizzazione".
    Nel corso dell'incontro, conclude Confindustria, si è parlato anche della "possibilità che Taranto, come previsto dal provvedimento del Consiglio dei Ministri, possa essere sede di un polo industriale per l'eolico off shore al sud. Da parte del Ministro, è stata in questo senso assicurata la massima attenzione allo scalo portuale jonico, in quanto avrebbe tutti i requisiti necessari al fine di poter diventare sede del polo cui la legge fa riferimento".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza