Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La sfida di Giorgetti e la cena più lunga sul Patto

La sfida di Giorgetti e la cena più lunga sul Patto

La partita tra falchi, sovranisti e il mantra degli investimenti

BRUXELLES, 08 dicembre 2023, 07:53

Michele Esposito

ANSACheck

Il ministro Giorgetti alla riunione dell 'Eurogruppo a Bruxelles - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il ministro Giorgetti alla riunione dell 'Eurogruppo a Bruxelles - RIPRODUZIONE RISERVATA
Il ministro Giorgetti alla riunione dell 'Eurogruppo a Bruxelles - RIPRODUZIONE RISERVATA

Seduto tra il rappresentante della Grecia e quella del governo lettone. Ma, soprattutto, in bilico tra frugali e sovranisti e con quell'acronimo - il Mes - che in qualche modo lo accompagna a Bruxelles da quando è ministro. E' stata un po' questa la coreografia della partita di Giancarlo Giorgetti all'incontro più lungo sul nuovo Patto di stabilità. Una cena iniziata poco dopo le 19.30 ma della quale non è stata prevista una fine, a testimonianza delle intenzioni della Commissione Ue e della presidenza di turno spagnola: arrivare ad un'intesa sulla nuova governance economica senza pensare a piani B.
    Già, perché a Bruxelles quello che vale per la riforma del Patto di Migrazione e asilo vale, in misura minore perché minore è la portata elettorale, anche per la nuova governance economica: non dare l'impressione di una Ue avvezza al fallimento ad una manciata di mesi dal voto. "O troviamo un'intesa stasera o non la troveremo domani mattina", sentenziava nel pomeriggio la portavoce della ministra delle Finanze Nadia Calvino. L'ex tecnica diventata pilastro del governo di Pedro Sanchez è stata ideatrice e padrona di casa della cena informale. Una cena fredda e non certo pantagruelica, fatta di merluzzo, insalata di quinoa con avocado e melograno e mousse al cioccolato come dessert. Pochi brindisi, spazio alla discussione. L'incontro, infatti, è stato pensato come una trattativa a oltranza tanto che ai ministri non è stato dato nessun timing per gli interventi.
    Calvino ha tutto da guadagnare da una eventuale intesa sulla governance, che potrebbe appuntarsi al petto a poche ore dalla probabile investitura a nuova presidente della Banca Europei degli investimenti. Del resto, alla cena organizzata al quinto piano dell'Europa Building c'era, in realtà, ben più di un dossier sul tavolo. Per Roma, ad esempio, un Patto di stabilità ritenuto soddisfacente potrebbe fare da apripista ad una ratifica del Mes che a Bruxelles attendono da anni. E alla quale la maggioranza potrebbe accompagnare una forte condizionalità: che per attivare il fondo salva-Stati serva un nuovo voto del Parlamento.
    Ma per ogni ministro, in fondo, dietro i numeri del Patto c'è ben altro. C'è, soprattutto un messaggio da mandare ai propri elettori. Il falco Christian Lindner, ad esempio, non può permettersi passi falsi visto che è alla guida di un partito, Fdp, da mesi e mesi in costante calo nei sondaggi. La finlandese Rikka Purra, leader dei Veri Finlandesi e celebre per le sue posizioni anti-Ue, sovraniste e perfino razziste, è arrivata a Bruxelles con il sorriso prudente di un ministro di un Paese ad alto rischio infrazione. "La Finlandia è per delle regole oggettive ma realistiche, non sono così ottimista", spiegava ai giornalisti prima della cena. Il macroniano Bruno Le Maire ha invece messo sul tavolo la linea rossa degli investimenti, vitali per una Francia iper-indebitata. Ed è arrivato col piglio di chi lancia un ultimo avvertimento: sulle regole non si può concedere tutto alla Germania. Parole di certo importanti, per Giorgetti. Al ministro, tra i tanti punti, uno è particolarmente caro: che la riforma preveda che gli investimenti per il Pnrr e la transizione facciano scattare una deroga nel percorso lineare di riduzione di deficit e debito. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza