Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Otto indagini sull'abisso della storia, torna Martin Bora

Otto indagini sull'abisso della storia, torna Martin Bora

Una raccolta di racconti con l'ufficiale-detective di Ben Pastor

ROMA, 29 novembre 2023

di Mariano del Preite

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

BEN PASTOR, LA FINESTRA SUI TETTI e altri racconti con Martin Bora (a cura di Luigi Sanvito, Sellerio editore, 416 pagine, euro 16,00)

Torna in libreria Martin Bora, il colto e tormentato ufficiale-detective che durante la Seconda guerra mondiale indaga su delitti e misteri mentre intorno dilaga l'orrore della storia. Al suo più noto e amato personaggio stavolta l'autrice Ben Pastor dedica otto racconti, ambientati in anni e fronti di battaglia diversi, tra cui quello italiano del post Armistizio: in ciascuna storia c'è un enigma da sciogliere, mentre alla suspense della narrazione - sostenuta da uno stile originalissimo e da una minuziosa ricostruzione storica - si intreccia l'evoluzione della psicologia dell'eroe, sempre più dilaniato, con il passare del tempo, tra la fedeltà al giuramento alla Patria e la repulsione per gli orrori del nazismo. Martin Bora, di famiglia colta e aristocratica, dietro l'apparente imperturbabilità cela una natura curiosa e appassionata, ma soprattutto una profonda pietas che inevitabilmente lo fa finire nel mirino delle SS e della Gestapo. Deve quindi fronteggiare nemici palesi e occulti, i tormenti della guerra e quelli di demoni interiori che si ribellano alla ferocia hitleriana. Ben Pastor - nata in Italia, trapiantata negli Usa, docente universitaria e saggista, appassionata di storia, archeologia e psicologia - "rifiuta di espellere dalla tessitura dei suoi intrecci il disordine del mondo", annota nell'introduzione il curatore della raccolta, Luigi Sanvito: "Sicché dai suoi gialli non emerge solo il piacere 'enigmistico' dell'investigazione che infine approda alla verità; affiora anche la vita, in tutta la sua ambigua commistione di bene e male, splendori e viltà, ferocia e compassione. Se l'omicidio è un grumo oscuro e il suo disvelamento un raggio di luce, il mondo, la condizione umana, rimangono pur sempre immersi in una zona d'ombra".

È questo anche il filo conduttore degli otto racconti. Ne La finestra sui tetti, che dà il titolo al volume, Bora si trova nella Praga martoriata dal nazista Heydrich e dai suoi piani di genocidio: viene chiamato a investigare su un delitto e contemporaneamente dovrà far arrivare al servizio segreto dell'esercito le prove dei misfatti compiuti contro la popolazione ceca. Sul filo del rasoio, "la sua pietà per l'uomo aumentava in proporzione alla ferocia della guerra, intimandogli di destreggiarsi tra ordini e direttive con l'impeccabile accortezza di una spola in mani capaci". Quattro delle storie sono ambientate nell'Italia del 1943-44, dove i tedeschi in ritirata devono fronteggiare gli Alleati e la Resistenza. In Bocca d'inferno Martin indaga sul sequestro di una giovane e avvenente maestra vedova di guerra, caso che poi si trasforma in un sanguinoso pluriomicidio. L'ufficiale non rinuncia a trattare con umanità i prigionieri né a tenere in ordine impeccabile la sua divisa, mentre le difese tedesche crollano una dopo l'altra. Combatte sotto le insegne tedesche, "eppure spesso gli sembrava che soldati come lui fossero carta straccia, appallottolata in mano a qualcuno e in procinto di essere buttata via". Deve quindi affrontare un delitto passionale che coinvolge un prete, le guardie di Salò, una vedova. Un gioielliere a Littoria ucciso per una spilla dal nome allusivo, il nodo d'amore. Un vecchio su un treno, in Toscana nel 1944, che racconta dell'omicidio di due amanti. Una menzione particolare merita Il giaciglio d'acciaio, ambientato durante uno dei più grandi massacri della storia bellica: l'assedio di Stalingrado, quando alla fine del 1942 le truppe tedesche da assalitrici divengono preda dei militari russi fino a rimanere isolate e schiacciate. Nel Natale di quell'anno il maggiore Bora è al comando di uno sparuto manipolo di soldati asserragliati nelle rovine di un ex ospedale, senza rifornimenti né speranze di salvezza. Questo è il solo racconto senza un omicidio su cui investigare, ed anche, non a caso, l'unico narrato da Martin in prima persona. In un clima che va "oltre la disperazione", in cui i militari tedeschi si suicidano o finiscono sull'orlo della follia, il vero mistero - angosciosamente attuale - è come il mondo possa precipitare in tali abissi di disumanità. Bora, al buio dei sotterranei in cui lui e i suoi uomini sono rintanati come topi in gabbia, si aggrappa ai ricordi felici e in questi trova la forza per resistere, fino a progettare un ardito, folle tentativo di fuga dall'accerchiamento.

In pagine di dolente bellezza, dove l'atrocità si fonde con la poesia, Ben Pastor risolve forse l'enigma più grande: come l'attaccamento alla vita e alla speranza possa prevalere, nonostante tutto, di fronte al baratro. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza