Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Firenze riapre La Specola, 13 nuove sale per il museo scientifico

A Firenze riapre La Specola, 13 nuove sale per il museo scientifico

Dedicate a inizi ceroplastica, cere botaniche e mineralogia

FIRENZE, 21 febbraio 2024, 19:13

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Fu aperto il 21 febbraio 1775 come 'Imperiale e reale museo di fisica e storia naturale' per volere dal granduca di Toscana Pietro Leopoldo, ed è considerato il primo esempio in Europa di museo scientifico aperto a tutti. Oggi, la Specola ha festeggiato il suo compleanno riaprendo le porte della storica sede di via Romana a Firenze, dopo cinque anni di chiusura necessari per un intervento di riqualificazione e ammodernamento che ha portato anche a 13 nuove sale espositive. Per l'occasione, l'Ateneo fiorentino - la Specola fa parte del Sistema museale univeristario - aveva messo a disposizione 4.600 ingressi gratuiti andati sold out nel giro di due ore.

Tale è stato l'entusiasmo per il ritorno di un luogo celebre per l'ampia collezione zoologica (4.600 gli esemplari oggetto di manutenzione durante i lavori), la più grande raccolta al mondo di cere anatomiche settecentesche, il Salone degli scheletri, la Tribuna di Galileo e il Torrino astronomico. Da oggi questo storico percorso di visita si arricchisce di altri 700 metri quadri complessivi di spazi espositivi dedicati alla ceroplastica, alle cere botaniche e alle raccolte mineralogiche che tornano ad essere esposte alla Specola dopo un secolo e mezzo nella sede di via La Pira (in cui erano visibili solo agli studiosi). A spiccare poi è la collezione medicea di pietre lavorate (coppe, vasi, oggetti ornamentali), con esemplari come le due coppe in diaspro e una coppa in giada nefrite di Lorenzo il Magnifico, ma anche la tazza in lapislazzuli a forma di conchiglia di Cosimo I. L'esposizione illustra anche l'evoluzione dei minerali grazie a campioni unici al mondo: dalle tormaline ed ematiti dell'Elba agli enormi cristalli di topazio e acquamarina del Brasile. Nuovi spazi sono dedicati alla genesi e all'evoluzione della ceroplastica fiorentina: dai primordi legati alla scuola bolognese e all'opera dell'artista siciliano Gaetano Zumbo (1656-1701) fino alla nascita nel 1771 dell'Officina ceroplastica proprio a la Specola. Dopo oltre un secolo torna visibile anche la collezione delle cere botaniche costituita da piante e frutti di grande realismo e bellezza, ma anche le straordinarie tavole in cera di anatomia, istologia e patologia botanica. Il singolare connubio di arte e scienza, tipico delle realizzazioni ceroplastiche fiorentine, è ben riflesso nei dipinti di Bartolomeo Bimbi, pittore a servizio dei Medici e autore di nature morte di fiori e frutti, caratterizzate da un intento di catalogazione scientifica. Grazie ai lavori di riqualificazione, finanziati con 3,5 milioni dalla Regione Toscana e 2,5 milioni dall'Ateneo di Firenze, il Museo può contare anche su biglietteria e bookshop rinnovati, oltre che su nuovi impianti in grado di preservare e valorizzare al meglio la ricchissima collezione della Specola: nei depositi, infatti, si conservano altri 4 milioni di esemplari a disposizione degli studiosi di tutto il mondo.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza