Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giostra di Sulmona, Ornella Muti premia Porta Manaresca

Giostra di Sulmona, Ornella Muti premia Porta Manaresca

In finale due esordienti, Lorenzo Melosso e Tommaso Finestra

SULMONA, 31 luglio 2023, 15:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La XXVII edizione della Giostra Cavalleresca di Sulmona (L'Aquila) porta la firma di Lorenzo Melosso il quale ha regalato il palio al Sestiere di Porta Manaresca, l'ottavo della storia: il rione rosso-blu sale così in cima all'albo d'oro. Il cavaliere, 22enne di Ascoli Piceno, ha battuto in finale l'altro esordiente, Tommaso Finestra di San Gemini (Terni), in gara per il Borgo Pacentrano. Una finale combattutissima che ha visto contrapposti i due cavalieri più giovani in gara, alla loro prima volta a Sulmona. Melosso conquista anche il premio fair play, "Etica ed estetica", conferito dal Cavalleresco Ordine dei Guardiani delle Nove Porte; per il suo sestiere anche il riconoscimento per il miglior corteo, novità di quest'anno, premiato con il ciondolo Amorino degli orafi Di Rienzo di Scanno. Durante le sfide non sono mancati colpi di scena: nella penultima eliminatoria il cavaliere di Porta Japasseri, Iacopo Rossi, si è ritirato per un lieve infortunio al cavallo. In semifinale sono arrivati Porta Manaresca, Santa Maria della Tomba, Borgo Pacentrano e Porta Bononimi. Le gare sono state precedute dal corteo nel quale è tornato a sfilare Gildo Di Marco, il "padre" della Giostra. Un lungo applauso lo ha accompagnato al passaggio lungo corso Ovidio, accanto alla delegazione del palio del Niballo di Faenza, con il costume della prima Giostra, del 1995. A impreziosire il corteo, Ornella Muti nel ruolo della Regina Giovanna I d'Aragona, principessa di Sulmona. Abito verde con mantello crema e oro per lei, firmato dallo stilista Alessandro Pischedda; gioielli Di Rienzo e una corona sul capo realizzata da Adelmino Romito. In piazza Maggiore è stata lei a dare inizio alle gare. "Da quando sono arrivata in città, quando tutto questo ha iniziato a prendere forma e a concretizzarsi anche per me - ha commentato l'attrice - è stato qualcosa di magico.
    Porterò con me tanto di Sulmona: questa magnifica Giostra, ma anche la sua storia, l'arte che ci circonda e i suoi favolosi confetti". È stata lei a premiare il Sestiere di Porta Manaresca, insieme al presidente della Giostra, Maurizio Antonini, e al presidente della Fondazione Carispaq, Domenico Taglieri.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza