Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

All'Asinara con I fuggitivi di Marco Dell'Omo

All'Asinara con I fuggitivi di Marco Dell'Omo

Un lembo di terra isolato e circondato da un mare splendente, di una sfacciata bellezza

ROMA, 20 luglio 2023, 12:13

di Elisabetta Stefanelli

ANSACheck

Dell 'Omo - RIPRODUZIONE RISERVATA

Dell 'Omo - RIPRODUZIONE RISERVATA
Dell 'Omo - RIPRODUZIONE RISERVATA

ASINARA - L'Asinara, con il suo mare splendente, la natura selvaggia, la distanza e l'isolamento che intensificano ogni gesto, ogni silenzio dell'umana presenza, è la vera protagonista del bel romanzo di Marco Dell'Omo, giornalista, sceneggiatore, documentarista che con I FUGGITIVI (NUTRIMENTI, PAG. 317, 20 EURO) torna felicemente alla prova del romanzo dopo La banda Gordon (2020). L'esistenza, in quel limite invalicabile dell'isola, assume toni forti, ogni relazione assume significati altri, profondi, sentimenti che è difficile tenere a freno. E del resto tutto inizia con un omicidio, un regolamento di conti tra detenuti, avvenuto apparentemente ''per futili motivi'', che sarà l'inizio della fine.
    L'andamento altamente cinematografico del libro trascina il lettore in una sorta di sospensione spazio-temporale, arricchita dalle descrizioni minute, quasi maniacali, che qui sostanziano l'anima della scrittura lucente di Dell'Omo rivelandone l'attitudine visiva. L'isola, che per natura lessicale è isolamento, qui è il centro di un universo chiuso, quello del carcere di massima sicurezza, destinato a reati gravi, dove tutto appare diverso da quello che sembra. Il dettaglio assume valore nello scorrere surreale dell'esistenza, in un luogo in cui si è prigionieri pur vivendo sotto le stelle, pascolando greggi, coltivando i campi, o magari facendo i lavori in casa come una colf sui generis. Tanto più per chi, come il direttore del carcere Pietro Piscopio, la moglie Arianna e il figlio Matteo, è lì non per i reati da scontare ma per lavoro o legame affettivo, eppure costretto nella stessa cattività che ne limita i movimenti e le relazioni. E' proprio un'amicizia tra due quasi adolescenti, quella tra Matteo e Vincenzo, il figlio di Biagio, il capo dei pescatori di Ponza che ormeggiano tradizionalmente all'Asinara per la loro pesca di aragoste, a diventare il nodo che trascinerà la vicenda al suo epilogo drammatico, nonostante la protezione di San Silverio.
    Sullo sfondo l'utopia di Pietro Piscopio di fare dell'Asinara un nuovo modello di carcere, dove la libertà e il rapporto con la natura, dovrebbero diventare il fondamento di una riabilitazione profonda. Nessuno, fino a quel momento, è mai riuscito a fuggire da quel lembo di terra isolato e circondato da un mare splendente, di una sfacciata bellezza. Sfacciata bellezza come quella di Arianna, mancata campionessa di nuoto per amore, che non potrà rimanere senza conseguenze in quell'abbandono d'umanità rappresentato dal carcere. E la trama sfilacciata degli eventi che si susseguono apparentemente distanti, si unisce via via quasi impercettibilmente nella prosa intensa di Marco Dell'Omo, a formare un gomitolo indissolubile che segnerà, per sempre, la vita dei protagonisti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza