Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cia Marche, no alla denominazione Montepulciano al solo Abruzzo

Cia Marche, no alla denominazione Montepulciano al solo Abruzzo

Con nuove norme impatto negativo su immagine viticoltura

ASCOLI PICENO, 30 novembre 2023, 14:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"No alla limitazione della denominazione Montepulciano al solo Abruzzo". E' una posizione ferma quella della Cia Agricoltori provinciale di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata in merito alle norme introdotte dal Decreto del Ministro dell'Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste del 26 ottobre 2023 che consentono l'uso della denominazione "Montepulciano" ai soli produttori abruzzesi, obbligando tutti gli altri all'uso della denominazione "Cordisco".
    "Riteniamo che ormai la denominazione sia consolidata nel territorio, conseguentemente queste nuove norme avranno un impatto negativo sull'immagine della viticoltura nel territorio, in particolare Piceno" precisano dalla Cia Agricoltori provinciale. E proprio in questi giorni la Regione Marche ha reso noto che l'assessore all'Agricoltura Andrea Maria Antonini è impegnato a ricondurre "sui binari della leale e proficua collaborazione che, tradizionalmente, sussiste tra le Regioni e tra i produttori vitivinicoli, la comprensibile preoccupazione per le norme introdotte dal Decreto" che ribadisce: "Alla luce della revisione delle regole sull'etichettatura, l'utilizzo del sinonimo Cordisco, peraltro introdotto senza alcun preliminare confronto con le Regioni, rischia di legittimare una regione a impedire ad altre l'uso del nome di un vitigno che, invece, è regolarmente e storicamente coltivato e conosciuto".
    Per la Cia Agricoltori provinciale le denominazioni Rosso Piceno e Montepulciano d'Abruzzo "sono emblematiche di questo processo virtuoso. È chiaro che nella denominazione Rosso Piceno l'oggetto della tutela è il territorio 'Piceno', mentre nel caso di Montepulciano d'Abruzzo, l'oggetto della protezione è l'area regionale 'Abruzzo' e non certamente 'Montepulciano' che è anche il nome di un borgo che è iconico per la Toscana".
    "Inoltre - insiste la Cia -, spiegare un vino attraverso l'uso di un sinonimo desueto, al punto da essere sconosciuto come Cordisco, rischia di confliggere anche con il principio di trasparenza e corretta informazione che la nuova etichettatura persegue con l'inserimento anche di QR code per agevolare la tracciabilità".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza