Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Per le temperature più alte piogge estreme ai tropici

Per le temperature più alte piogge estreme ai tropici

Contemporaneamente tendono a espandersi le zone aride

27 febbraio 2024, 10:00

di Benedetta Bianco

ANSACheck

La frequenza delle piogge estreme è aumentata negli ultimi anni (fonte: © MPI-M) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La frequenza delle piogge estreme è aumentata negli ultimi anni (fonte: © MPI-M) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
La frequenza delle piogge estreme è aumentata negli ultimi anni (fonte: © MPI-M) - RIPRODUZIONE RISERVATA

L’aumento delle temperature dovuto al riscaldamento globale causerà piogge sempre più estreme ai tropici, provocando non pochi problemi nelle aree già sottoposte ad elevate quantità di precipitazioni. Lo indica lo studio pubblicato sulla rivista Science Advances, che ha utilizzato un nuovo modello climatico ad elevatissima risoluzione per comprendere i meccanismi alla base di questi eventi climatici estremi. Secondo i risultati ottenuti dal gruppo guidato dall’Istituto di Scienza e Tecnologia dell’Austria, la chiave sta nel fatto che temperature più alte spingono le nuvole ad aggregarsi di più e quindi a scaricare maggiori quantità di piogge sulle stesse zone, facendo contemporaneamente espandere quelle molto aride, che riceveranno sempre meno acqua.

Le precipitazioni estreme sono uno dei disastri naturali più dannosi e la loro frequenza è aumentata negli ultimi anni a causa del cambiamento climatico. Finora, però, i modelli climatici utilizzati per studiare questi fenomeni non potevano tenere conto in modo particolarmente dettagliato dei meccanismi in gioco, e quindi non riuscivano a calcolare molte delle complesse dinamiche che spingono le nuvole a riunirsi e a generare eventi più intensi. Per superare questo problema, i ricercatori guidati da Jiawei Bao si sono rivolti ad un nuovo modello climatico che raggiunge un livello di dettaglio prima impossibile: mentre le versioni precedenti avevano generalmente una risoluzione spaziale di circa 100 chilometri, questa ne possiede una di soli 5 chilometri.

“Questo nuovo modello ha mostrato che, con un clima più caldo, gli eventi di precipitazioni estreme ai tropici aumentano di gravità più di quanto previsto finora”, spiega Bao. “Possiamo vedere, infatti, che quando le nuvole sono più addensate piove per un tempo più lungo. Inoltre – aggiunge il ricercatore – le piogge più estreme sulle aree ad alte precipitazioni faranno allargare le zone aride, un ulteriore passaggio, quindi, verso modelli meteorologici estremi”.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza