Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Una formica aliena insidia le abitudini di caccia dei leoni

Una formica aliena insidia le abitudini di caccia dei leoni

Lo dimostrano 30 anni di studio in Kenya

16 febbraio 2024, 10:14

di Elisa Buson

ANSACheck

I leoni in Africa orientale hanno modificato le loro abitudini di caccia, dopo che il loro ecosistema è stato sconvolto da una specie invasiva di formiche (fonte: Todd Palmer) - RIPRODUZIONE RISERVATA

I leoni in Africa orientale hanno modificato le loro abitudini di caccia, dopo che il loro ecosistema è stato sconvolto da una specie invasiva di formiche (fonte: Todd Palmer) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
I leoni in Africa orientale hanno modificato le loro abitudini di caccia, dopo che il loro ecosistema è stato sconvolto da una specie invasiva di formiche (fonte: Todd Palmer) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un minuscolo nemico insidia il potente re della savana: e' la formica Pheidole megacephala, una specie aliena invasiva che 15 anni fa e' arrivata in Kenya mettendo progressivamente a soqquadro l'intero ecosistema fino a costringere i leoni a cambiare le loro abitudini di caccia per sopravvivere. Lo dimostrano 30 anni di ricerche condotte presso la riserva Ol Pejeta Conservancy, pubblicate sulla rivista Science dal gruppo di ricerca guidato dall'Universita' del Wyoming.

Per ricostruire la complessa rete di interazioni tra le specie che popolano l'ecosistema africano, i ricercatori hanno utilizzato fototrappole, collari monitorati dai satelliti e complessi modelli statistici. I dati raccolti in oltre 30 anni dimostrano che le formiche aliene, arrivate in sordina da un'isola dell'Oceano Indiano, hanno scatenato un devastante effetto domino.

Tutto e' cominciato con lo sterminio delle formiche autoctone, che nidificano negli alberi di acacia difendendoli dagli attacchi degli erbivori con morsi e produzione di acido formico. Venendo a mancare questi piccoli 'guardiani', gli alberi hanno iniziato a essere distrutti piu' facilmente da giraffe ed elefanti. In un paesaggio sempre piu' spoglio, i leoni si sono cosi' trovati a non avere piu' zone dove nascondersi per tendere gli agguati alle loro prede preferite, le zebre. Per rimediare, hanno dovuto cambiare obiettivo puntando i bufali, decisamente piu' difficili da cacciare. Dal 2003 al 2020, la percentuale di uccisioni di zebre da parte dei leoni e' scesa dal 67% al 42%, mentre la percentuale di uccisioni di bufali e' passata da zero al 42%.

Le formiche aliene stanno dunque "allentando i legami che tengono insieme l'ecosistema africano, determinando chi viene mangiato e dove", osservano i ricercatori. Lo studio dimostra dunque che "la conservazione degli ecosistemi non richiede solo di salvare le specie dall'estinzione, ma di salvaguardare le interazioni esistenti tra le specie", come sottolinea in un articolo di commento Kaitlyn M. Gaynor, ecologa dell'Universita' della British Columbia.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza