Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La CO2 a livelli record, mai così alta in 14 milioni di anni

La CO2 a livelli record, mai così alta in 14 milioni di anni

Ricostruito il suo andamento da uno studio condotto da oltre 80 ricercatori di 16 Paesi

08 dicembre 2023, 16:42

Benedetta Bianco

ANSACheck

La Terra vista dallo spazio (fonte: NASA Goddard Space Flight Center) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La Terra vista dallo spazio (fonte: NASA Goddard Space Flight Center) - RIPRODUZIONE RISERVATA
La Terra vista dallo spazio (fonte: NASA Goddard Space Flight Center) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La concentrazione di CO2 nell’atmosfera ha raggiunto livelli record: è la più alta degli ultimi 14 milioni di anni, con 420 parti per milione, un aumento di circa il 50% rispetto alle 280 ppm che caratterizzavano la fine del 1700. Lo indica lo studio pubblicato sulla rivista Science e coordinato dalla Columbia University, secondo il quale entro la fine del secolo potremmo raggiungere una concentrazione di 600 ppm o anche più, le conseguenze non riguarderebbero soltanto un notevole aumento delle temperature, di oltre 2 gradi, ma provocherebbero anche molteplici effetti a cascata che influenzerebbero il clima per migliaia di anni. Alla ricerca, durata 7 anni, hanno partecipato più di 80 ricercatori di 16 Paesi.

“Sappiamo da tempo che l’aggiunta di CO2 alla nostra atmosfera aumenta la temperatura, ma questo studio ci dà un’idea molto più precisa di quanto sia sensibile il clima su scale di lungo periodo”, commenta Bärbel Hönisch, che ha coordinato il gruppo. “Non siamo in grado di dire che temperatura ci sarà nel 2100, ma – osserva uno degli autori dello studio, Dana Royer,ì dell’americana Wesleyan University – possiamo affermare che ci saranno effetti lenti e a cascata, che dureranno per migliaia di anni”. Tra questi, oltre allo scioglimento delle calotte polari, modifiche della copertura vegetale terrestre e cambiamenti nelle nuvole e nelle particelle sospese nell’atmosfera.

 

L'andamento della concentrazione di CO2 negli ultimi 66 milioni di anni (fonte: Adapted from CenCO2PIP, Science 2023)

 

 

I ricercatori non hanno raccolto nuovi dati, ma hanno riesaminato tutti gli studi pubblicati finora sull’argomento, escludendo quelli incompleti o ormai obsoleti alla luce delle nuove scoperte. Hanno quindi calcolato l’andamento dell’anidride carbonica in un periodo che risale fino a 66 milioni di anni fa, confrontandola anche con i dati disponibili sulle temperature. In questo modo, è stato possibile stabilire quella che viene definita la ‘sensibilità del sistema terrestre’: secondo questa misura, si prevede che un raddoppio nella concentrazione di CO2 riscalderà il pianeta di ben 5-8 gradi, una stima più alta di quelle fatte finora.

I risultati dello studio indicano che, nel periodo più antico, tra 66 e 56 milioni di anni fa, la quantità di anidride carbonica era molto elevata, tra 600 e 700 ppm, paragonabile a quella che potremmo raggiungere per la fine del secolo. Il periodo più caldo, invece, risale a circa 50 milioni di anni fa, quando la CO2 raggiunse addirittura le 1.600 parti per milione e la temperatura era di 12 gradi più elevata di quella attuale.
Dopodiché, 34 milioni di anni fa le concentrazioni di anidride carbonica erano già diminuite abbastanza da consentire lo sviluppo dell’attuale calotta glaciale antartica, e il calo è proseguito da allora fino alle 270-280 ppm di CO2 raggiunte 2,5 milioni di anni fa, quando presero il via una serie di ere glaciali. I livelli di CO2 sono poi rimasti relativamente stabili fino a 250 anni fa circa, quando le attività umane cominciarono a modificare l’atmosfera su larga scala.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza