Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In Messico una corsa contro il tempo per salvare una giraffa dal freddo

In Messico una corsa contro il tempo per salvare una giraffa dal freddo

Abitanti di Juárez vanno dal giudice per trovarle una nuova casa

CITTA DEL MESSICO, 19 gennaio 2024, 18:08

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Corsa contro il tempo, in Messico, per salvare dal freddo e dagli stenti una giraffa africana di nome 'Benito'. L'esemplare, che da 8 mesi vive in un parco pubblico a Juárez, città di frontiera nel nord del Paese, è stato trovato in "condizioni meteorologiche estreme, con poco cibo e senza cure adeguate" da un gruppo di attivisti, che stanno facendo tutto il possibile per trovargli una nuova casa.
    Negli ultimi giorni il Messico è stato attraversato da correnti d'aria provenienti dall'Artico che hanno causato un brusco calo delle temperature, accompagnate da neve e raffiche di vento fino a 80 km/h.
    Gli abitanti di Juárez, che hanno formato un gruppo chiamato 'Salvate Benito', stanno facendo pressione sui governi statale e federale affinché portino via l'animale, sollecitando misure cautelari per cercare di proteggerlo.
    Le ciglia e la saliva di Benito si sono congelate, dicono gli animalisti, che hanno nel frattempo ottenuto vittoria: un giudice ne ha finalmente ordinato il trasferimento nello Stato di Puebla, in un parco di conservazione della fauna selvatica, dove riceverà un trattamento migliore e troverà una temperatura più amena.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza