Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Commenti contro bagni gender neutral, 3 bocconiani sospesi

Commenti contro bagni gender neutral, 3 bocconiani sospesi

Ateneo, 'violato honor code, contenuti provocatori e offensivi'

MILANO, 15 febbraio 2024, 14:46

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Hanno scritto online commenti offensivi sui bagni 'gender neutral' (ovvero non riservati solo a maschi o femmine ma accessibili a tutti) creati all'università Bocconi: Per questo tre studenti sono stati sospesi sei mesi dall'ateneo. Un provvedimento - legato al fatto che non hanno rispettato il codice d'onore firmato al momento dell'iscrizione - che ha fatto scoppiare le polemiche sulla 'censura'. Ne ha parlato in radio Giuseppe Cruciani a La Zanzara e ne hanno scritto Libero e La Verità.
    A fare una segnalazione alla commissione disciplinare dell'università è stato Samuele Appignanesi, studente transgender che si era battuto per i bagni per tutti e in un post su Instagram ha spiegato che era "necessario intervenire" contro "commenti che invece di esprimere un parere deridevano e insultavano le persone transgender e quelle disabili".
    Il 1 febbraio ai tre studenti è stata notificata la decisione della commissione, con la puntualizzazione che il provvedimento sarà inserito nel "fascicolo personale e comunicato agli uffici interessati e alla commissione di laurea in sede di discussione della tesi. Potrà inoltre avere effetto su eventuali benefici economici accordati dall'università".
    L'università ha spiegato che si trattava di "messaggi e commenti contenenti pesanti allusioni sessuali e contenuti provocatori e offensivi nei confronti delle persone con disabilità. Tali messaggi violano il diritto al rispetto nei confronti di tutti gli appartenenti alla comunità accademica e sono inoltre lesivi dell'immagine e della reputazione della Bocconi. L'università ha, quindi, applicato quanto previsto dall'honor code, che tutti gli studenti sottoscrivono al momento dell'iscrizione, e dai suoi regolamenti".
    Il testo dei messaggi definiti "certamente non lesivi" è stato pubblicato sulla pagina Instagram proletariobocconiano e va avanti la polemica fra chi critica la "censura" e chi invece difende e apprezza la decisione dell'ateneo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza