Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bmw Hydrogen, una sperimentazione iniziata 25 anni fa

ANSAcom

Bmw Hydrogen, una sperimentazione iniziata 25 anni fa

ANSAcom

In collaborazione con Bmw

Jürgen Guldner, 'Batterie e fuel cell tecnologie complementari'

ANVERSA, 09 ottobre 2023, 10:47

ANSAcom

ANSACheck

Bmw Hydrogen, una sperimentazione iniziata 25 anni fa - RIPRODUZIONE RISERVATA

Bmw Hydrogen, una sperimentazione iniziata 25 anni fa - RIPRODUZIONE RISERVATA
Bmw Hydrogen, una sperimentazione iniziata 25 anni fa - RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSAcom - In collaborazione con Bmw

Già nel 1999 Bmw aveva ribadito in un suo comunicato stampa che "l'idrogeno è il carburante del futuro". A questa affermazione era arrivata dopo aver iniziato alla fine degli Anni '70 sperimentazioni su motori convenzionali alimentati a idrogeno e aver presentato nel 1979 la 520h di generazione E12 che bruciava idrogeno liquido a posto della benzina.
    A questa auto seguirono nel 1984 la 745i Turbo e poi, nel 1988, la 735iL che presentava per la prima volta un motore a 12 cilindri alimentato a idrogeno liquido. Gli sviluppi di Bmw si sono poi concentrati sulle auto a doppia alimentazione, come la Hydrogen 7 del 2005 il cui motore V12 da 6 litri poteva funzionare sia a idrogeno che a benzina.
    Nel 2013, quando Bmw ha unito le forze con Toyota nelle ricerche sull'idrogeno, l'impegno si è spostato - come già aveva fatto l'azienda giapponese - sulla tecnologia delle celle a combustibile. Toyota ha lanciato la Mirai nel 2014, che attualmente è una delle sole due autovetture alimentate a idrogeno sul mercato.
    Alla fine dello scorso anno, l'Advanced Propulsion Centre del Governo britannico ha approvato un finanziamento a Toyota di oltre 11 milioni di sterline per adattare la cella a combustibile a idrogeno della Mirai all'uso nel pick-up Hilux e sviluppare un "prototipo di produzione pilota" presso lo stabilimento di Burnaston avvalendosi di partner tecnici come Ricardo, ETL, D2H e Thatcham Research.
    A quattro anni dalla presentazione della i Hydrogen Next e due anni dopo il debutto della iX5 Hydrogen all'IAA Mobility di Monaco. Bmw ha adottato un approccio simile quando ha appreso delle auto elettriche, provando la Mini E originale prima della sua presentazione ai Giochi Olimpici del 2012. La Mini Electric è entrata in produzione in serie nel 2019. "Entreremo in produzione nella seconda metà di questo decennio - ha dichiarato Jürgen Guldner che guida in Bmw tutto il settore della propulsione a idrogeno - Per camion, autobus e pullman è già stato accettando che, operativamente, l'idrogeno funziona meglio di altre soluzioni a impatto zero. Ci si attende che nella maggior parte delle autovetture e dei veicoli commerciali leggeri la batteria elettrica possa soddisfare la maggior parte delle esigenze e della domanda".
    "Ma non in tutti casi - ha ribadito Guldner - ad esempio per chi non può ricaricare un'auto elettrica a casa; o chi abita nelle grandi città dove non ci sono abbastanza colonnine di ricarica pubblica. Ma anche per chi viaggia molto e per quelli che vogliono guidare un'auto come fanno oggi, fermo restando l'obiettivo di avere emissioni pari a zero".
    Jürgen Guldner su questo punto è molto chiaro: "questa non è una lotta tra batterie elettriche e celle a combustibile a idrogeno. E' una seconda tappa sulla strada della decarbonizzazione dei trasporti. Batteria e celle a combustibile sono tecnologie complementari, proprio come accade oggi con diesel e benzina". 
   

ANSAcom - In collaborazione con Bmw

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza