Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Condannato per stupro fugge. Le vittime, 'abbiamo paura'

Condannato per stupro fugge. Le vittime, 'abbiamo paura'

Evaso dai domiciliari.Due condanne per violenza e maltrattamenti

PESARO, 22 novembre 2023, 20:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Condannato due volte per violenza sessuale e maltrattamenti ad una pena di 10 anni e 4 mesi, confermati in appello, è fuggito dagli arresti domiciliari una settimana fa, rompendo il braccialetto elettronico. Ora a vivere nell'incubo di ritrovarselo davanti sono le due donne che lo avevano denunciato e mandato con successo davanti al Tribunale di Pesaro, facendolo condannare. Federico Marcelli, 49 anni, pesarese, ex barista, era ai domiciliari presso l'abitazione della madre, in attesa della sentenza della Cassazione.

 "Marcelli è un manipolatore, sarebbe capace di far credere di essere un santo - racconta una delle due vittime, una 43enne moldava, madre di un bimbo di 6 anni, avuto dall'uomo -. Ci ho creduto anch'io per tre anni, ma poi ha iniziato a violentarmi e a maltrattarmi. Sono rimasta incinta e l'ho denunciato . Sono stata portata in una struttura protetta con mio figlio. Ma lui riuscì a sapere l'indirizzo e me lo sono visto dentro l'alloggio, con la scusa di vedere il figlio. Ora devo avvisare i carabinieri ogni volta che esco e ogni volta che rientro dal lavoro. Ho una casa in affitto, ma ho paura ad andarci".

"Mi violentava ogni volta che voleva, soprattutto al lavoro - racconta l'atra donna, un 49enne -. Io gli avevo creduto per due mesi poi l'avevo lasciato, ma mi aveva fatto investire i miei soldi in un bar che non potevo lasciare. E lui era lì, ogni volta, a violentarmi. Poi un giorno mi ha gettato a terra, ho battuto la testa e sono andata al pronto soccorso. I medici hanno capito tutto e hanno chiamato la polizia. Ho raccontato il mio inferno. Pensavo che sarebbe stato chiuso in carcere, invece è stato rimandato a casa e adesso è fuggito. Io non riesco nemmeno ad uscire a fare la spesa per il terrore di incontrarlo". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza