Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Studiosi Aistec, 'il glifosato nei cereali è falso mito'

Studiosi Aistec, 'il glifosato nei cereali è falso mito'

'Fake news superiorità cereali antichi e macinazione a pietra'

FIRENZE, 04 ottobre 2023, 14:39

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La presenza del glifosato nei cereali", così come "per quanto riguarda il processo di lavorazione la presenza della sostanza tossica furosina nella pasta o dell'acrilammide nei prodotti da forno" sono "falsi miti da sfatare". Lo afferma Marina Carcea, presidente dell'Associazione Italiana di Scienza e Tecnologia dei Cereali (Aistec), che ha partecipato all'iniziativa 'Alimenti a base di cereali: pericolosi o benefici?' promossa dall'Accademia dei Georgofili a Firenze.


    Riguardo alla "presunta superiorità dei cereali antichi su quelli moderni, e delle farine macinate a pietra rispetto a quelle macinate a cilindri", secondo Carcea, queste sono "tutti argomenti di fake news molto diffuse", ed "è importante per il consumatore capire anche che il processo tecnologico 'moderno' o viceversa le tecnologie o i prodotti alimentari 'antichi' non sono rispettivamente meno buoni o più buoni, e che la tecnologia si è evoluta anche per soddisfare dei bisogni del consumatore di migliore qualità nutrizionale, di preservabilità o di gusto".
    Dunque, conclude la presidente di Aistec, "è importante che al consumatore arrivino gli esiti di ricerche scientifiche accurate e di livello, che considerino molteplici aspetti, studiate e interpretate con senso critico da chi è effettivamente un esperto dell'argomento, capace di capire il valore e il peso delle stesse evidenze scientifiche. Solo così il consumatore può essere messo in condizioni di effettuare vere scelte consapevoli".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza