Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Aviaria, situazione senza precedenti ma rischio per l'uomo basso

Aviaria, situazione senza precedenti ma rischio per l'uomo basso

Infettate oltre 400 specie di uccelli e molti mammiferi

ROMA, 02 agosto 2023, 18:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 - "Gli ultimi due anni hanno visto un impatto senza precedenti dell'influenza aviaria ad alta patogenicità H5N1 sul pollame e sui volatili selvatici su scala globale". Così un nuovo rapporto sull'aviaria realizzato da parte di una task force composta da membri di diverse istituzioni internazionali (Scientific Task Force on Avian Influenza and Wild Birds) secondo cui il rischio per l'uomo, al momento, è basso. Tuttavia, "la capacità del virus di infettare una varietà di specie di mammiferi e il rilevamento, ad esempio, in allevamenti di visoni, dove esiste un alto potenziale di trasmissione da mammifero a mammifero, crea preoccupazioni per la salute pubblica".
    Le ragioni per cui la situazione è senza precedenti, spiega il documento, sono molte. Il virus negli ultimi anni sta colpendo un numero sempre più ampio di specie con circa 400 specie di uccelli interessate. Inoltre, sempre più spesso, il virus si diffonde nelle colonie riproduttive dove sono aggregate migliaia di uccelli. Ciò sta causando focolai con mortalità molto elevate con migliaia di esemplari deceduti. Una mortalità così elevata rischia di mettere a rischio diverse specie di uccelli. Negli ultimi anni è cresciuta anche l'estensione geografica del virus: solo l'Oceania non è stata raggiunta.
    Tra le novità degli ultimi anni anche le infezione nei mammiferi. Le specie più colpite sono state "volpi, foche e leoni marini, delfini, orsi, felidi, opossum, coati e mustelidi tra cui lontre selvatiche e visoni americani d'allevamento", spiega il documento.
    Per quel che riguarda l'uomo "globalmente c'è stato un numero relativamente piccolo di casi umani di H5N1, con 11 contagi al momento di redazione di questo rapporto", si legge."Questi casi sono stati associati a contatti ravvicinati e/o ripetuti con uccelli domestici infetti o ambienti avicoli fortemente contaminati".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza