Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Peste suina: solo 20 comuni sardi con restrizioni più severe

Peste suina: solo 20 comuni sardi con restrizioni più severe

In fasce I e II anche territori di altre Regioni italiane

CAGLIARI, 20 dicembre 2022, 13:06

Redazione ANSA

ANSACheck

Foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA
Foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono 20 su 377 in Sardegna, tutti nella provincia di Nuoro, i comuni italiani che saranno ancora soggetti a restrizioni sulla movimentazione e commercializzazione dei suini per la presenza di capi allevati e selvatici sieropositivi alla peste suina. Si tratta dei territori di Aritzo, Arzana, Baunei, Belvi, Desulo, Gavoi, Mamoiada, Ollolai, Olzai, Oniferi, Orani, Orgosolo, Orotelli, Ottana, Sarule, Talana, Tonara, Triei, Urzulei, Villagrande Strisaili. E' quanto emerge dal nuovo Regolamento adottato dalla Commissione Ue di eliminare l'embargo totale per le carni di maiale esportate dalla Sardegna a causa della peste suina, presente nell'Isola sin dal 1978. Si tratta anche dell'unica parte di territorio italiano nel quale verrà applicata la maggiore fermezza per l'export.
    Liberati, anche se non del tutto, altri territori sardi tra Sud Sardegna, Oristanese, Sassarese e Nuorese) a cui si affiancano anche altre zone d'Italia individuate in Piemonte, Liguria Lazio, Emilia Romagna e Lombardia per le limitazioni meno severe dell'area I; infine in Piemonte, Liguria, Lazio e ancora in altri territori della Sardegna vigeranno controlli e restrizioni leggermente più impattanti per le attività zootecniche.
    L'elenco completo dei territori soggetti a restrizioni si può consultare nel regolamento di esecuzione e nei suoi allegati all'indirizzo https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=CELEX:3 2022R2486&qid=1671527723267&from=IT#d1e34-37-1.
    Il passaggio successivo spetta alla Regione Sardegna - con l'Istituto zooprofilattico regionale - e al ministero della Salute che dovranno definire i parametri per tutte le diverse fasce individuate dal documento comunitario. I primi incontri sono previsti già questa settimana visto che il Regolamento è entrato in vigore da oggi, giorno successivo alla pubblicazione nella GU europea. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza