/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Spotify licenzia il 2% dei lavoratori dell'unità podcast

Spotify licenzia il 2% dei lavoratori dell'unità podcast

I tagli si aggiungono ai circa 600 di gennaio

MILANO, 06 giugno 2023, 10:06

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Prosegue l'anno di ottimizzazione delle aziende tecnologiche. A fare i conti con le difficoltà economiche è ancora una volta Spotify, che dopo i tagli di gennaio licenzierà altre 200 persone. Come spiega in una nota diffusa online, Sahar Elhabashi, vicepresidente e responsabile della divisione Podcast Business, ad essere coinvolto è il 2% della forza lavoro della piattaforma destinata all'unità podcast. A gennaio, Spotify aveva licenziato circa 600 lavoratori, ossia il 6% delle risorse a livello globale. La mossa, decisa per ottimizzare la gestione dei podcast riducendo le uscite, porterà sotto lo stesso tetto Parcast e Gimlet, i due network di produzione di contenuti digitali e podcast, acquisiti nel 2019, che si uniranno alla divisione Spotify Studios.

"Stiamo espandendo i nostri sforzi di partnership con i principali podcaster di tutto il mondo con un approccio su misura ottimizzato per ogni programma e creatore. Questo perno è fondamentale per avere una proposta più uniforme, che ci consentirà di supportare meglio la comunità dei creatori" ha scritto Elhabashi. Sempre a gennaio erano arrivate le dimissioni del chief content officer Dawn Ostroff, che durante la sua permanenza in Spotify aveva aumentato, di circa 40 volte, la proposta di podcast sul servizio di streaming, portandolo quasi al pari della musica. Negli ultimi mesi non sono mancati problemi con i contenuti in sé, come lo show The Joe Rogan Experience, accusato di veicolare disinformazione sul tema dei vaccini contro il Covid-19. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza