Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Coppa Davis, Volandri: 'Sinner-Djokovic? Sarà una partita a scacchi'

Coppa Davis, Volandri: 'Sinner-Djokovic? Sarà una partita a scacchi'

Oggi la semifinale con la Serbia

ROMA, 25 novembre 2023, 14:31

Redazione ANSA

ANSACheck
2023 Davis Cup Final 8 semi-final - Italy vs Serbia © ANSA/EPA

"Una partita a scacchi" dove i due re sono Jannik Sinner e, ovviamente, Novak Djokovic. La metafora trovata da Filippo Volandri è più che mai azzeccata: la semifinale di Coppa Davis in programma oggi a Malaga tra Italia e Serbia sarà una sfida di attesa, studio dell'avversario e soprattutto strategia. Per il talento azzurro e il numero uno al mondo si tratta del terzo incontro in pochi giorni: la vittoria di Sinner nel girone delle Atp Finals e la rivincita del serbo proprio in finale. E ora in Spagna la 'bella' che vale la finale di Davis.

Volandri non ha dubbi: "Sarà diversa dalle due precedenti sfide a Torino. Con tutte le esperienze recenti che hanno fatto, Djokovic ha capito cosa aspettarsi da Jannik, e Jannik ha capito che quello che aveva fatto nel primo match non bastava più". E questo lo hanno capito anche tutti gli appassionati dello sport con la racchetta: l'interesse per il big match, infatti, è cresciuto non solo tra italiani e serbi al punto che i media mondiali hanno già definito "una finale anticipata" l'incontro tra i due tennisti più in forma del momento. C'è curiosità di capire quanto ancora possa continuare il regno di Djoko, il più forte giocatore di tutti i tempi, e se sia Sinner, che lo ha già battuto a Torino, il "predestinato" a strappargli lo scettro nel 2024.

"Jannik si mette alla prova - sottolinea Volandri - Per chi guarderà sarà una partita ancora più speciale rispetto alle ultime due perché si giocherà a scacchi con due capitani in campo e una visione allargata, con le squadre che spingeranno i giocatori". "Nole l'ho visto bene - aggiunge -. Come Jannik è arrivato tardi, potendo provare poco il campo. Ma contro la Gran Bretagna ha tirato fuori il fuoco che ha dentro. Sarà una partita davvero bella".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza