Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mazzone: ultima apparizione pubblica il 30 ottobre 2022 a Ascoli

Mazzone: ultima apparizione pubblica il 30 ottobre 2022 a Ascoli

Cittadinanza onoraria e docufilm in teatro

ASCOLI PICENO, 20 agosto 2023, 16:11

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Risale al 30 ottobre 2022, ad Ascoli Piceno, l'ultima apparizione pubblica di Carlo Mazzoni, morto oggi nella città dove abitava da anni.
    Nell'occasione, al Teatro Ventidio Basso, al 'sor Carletto' fu conferita la cittadinanza onoraria e fu presentato il docufilm su di lui "Come un padre". Una serata di grandi emozioni, al termine della quale lo stesso Mazzone salì sul palco, acclamato dal pubblico.
    Romano di nascita, Mazzone era giunto nel capoluogo piceno negli anni '60 per giocare nella squadra di casa e qui insieme alla moglie Maria Pia ha cresciuto la famiglia. Quella sera il sindaco Marco Fioravanti consegnò alla signora Maria Pia una pergamena con la motivazione: "A Carlo Mazzone per i risultati sportivi raggiunti con la maglia e sulla panchina dell'Ascoli calcio, nonché per gli ideali e i valori umani trasmessi ai più giovani; al papà di tutti gli ascolani. Grazie Carletto, da oggi cittadino di Ascoli". In chiusura di serata Mazzone, particolarmente commosso, aiutato dai familiari apparve per l'ultima volta in pubblico. Molto provato, non disse nulla ma mandò baci e abbracci a tutti i presenti nel teatro ascolano.
    Il 17 marzo 2017, giorno del suo 80/o compleanno, era cominciato l'iter che ha portato all'intitolazione all'ex allenatore dell'Ascoli dellaex tribuna est dello stadio Del Duca da quel giorno diventata Tribuna Carlo Mazzone. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza