/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al Regio dopo un secolo e mezzo la Juive inaugura stagione

Al Regio dopo un secolo e mezzo la Juive inaugura stagione

Per Musique e Opera 'tra le 10 da non perdere quest'anno'

TORINO, 12 settembre 2023, 13:57

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Teatro Regio inaugura la Stagione, giovedì 21 settembre alle 20, con La Juive (L'ebrea) di Fromental Halévy, su libretto di Eugène Scribe, per la prima volta in lingua originale francese. Va in scena un secolo e mezzo dopo l'ultima rappresentazione al Regio avvenuta nel 1885 nella versione in lingua italiana. Il nuovo allestimento trasforma il palcoscenico in una imponente cattedrale laica. La guida internazionale Musique & Opéra 23-24 la segnala tra le dieci opere da non perdere in questa Stagione. Alla Prima seguiranno cinque recite fino al 3 ottobre. Sul podio dell'Orchestra e del Coro del Teatro Regio sale Daniel Oren, direttore di grande prestigio e appassionato conoscitore della Juive, opera che ha già diretto due volte (Royal Opera House di Londra nel 2006 e Opéra de Paris nel 2011).
    La nuova e attesissima produzione è di Stefano Poda, regista profondamente legato a Torino, che per il Regio ha creato allestimenti spettacolari (Thaïs, Turandot, Faust) e che firma regia, coreografia, scene, costumi e luci. Regista collaboratore è Paolo Giani Cei. Protagonisti sono Mariangela Sicilia (Rachel), Gregory Kunde (Éléazar), Riccardo Zanellato (Brogni), Martina Russomanno (Eudoxie), Ioan Hotea (Léopold) e Gordon Bintner (Ruggiero). Il Coro è istruito dal maestro Ulisse Trabacchin.
    "La Juive è un titolo straordinario e sono certo saprà affascinare e coinvolgere il pubblico di tutte le età. Assisto ogni giorno alle prove, Stefano Poda ha creato un grande spettacolo, grazie anche al lavoro dei nostri Laboratori e di tutte le forze del Teatro, degno di un'apertura di Stagione emblematica: 200 artisti tra solisti, professori d'orchestra, artisti del coro, ballerini, mimi e figuranti per un gigantesco meccanismo teatrale" spiga il sovritnendente Mathieu Jouvin.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza