Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La vita banale oltre il muro di Auschwitz, il romanzo di Amis nel film di Glazer

La vita banale oltre il muro di Auschwitz, il romanzo di Amis nel film di Glazer

Da Cannes a Bafta verso gli Oscar La zona di interesse

ROMA, 19 febbraio 2024, 19:49

di Francesco Gallo

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una famiglia come tante, felice nella sua villetta con piccola piscina e giardino pieno di fiori. Solo che la casa confina con un muro, quello di Auschwitz, e siamo negli anni Quaranta e tanto fumo si vede sullo sfondo. Chi poteva raccontare una storia familiare dentro l'orrore se non quel Jonathan Glazer autore di film come Sexy Beast, Birth e Under The Skin? Il regista britannico firma l'imperdibile La zona di interesse (The Zone of Interest), dall'omonimo romanzo di Martin Amis del 2014, facendone un adattamento che dopo gli applausi al Festival di Cannes dove ha vinto il Grand Prix, tre premi Bafta, molti altri riconoscimento tra cui Film della Critica dal SNCCI, si appresta alla notte degli Oscar con cinque candidature (miglior film, miglior regia Jonathan Glazer, miglior film internazionale in sfida con il nostro Io Capitano di Matteo Garrone, miglior sceneggiatura non originale Jonathan Glazer e miglior sonoro Tarn Willers e Johnnie Burn). Esce in sala in Italia il 22 febbraio con I Wonder Pictures in collaborazione con Unipol Biografilm Collection, prodotto da A24 e Extreme Emotions.
    Girato in lingua tedesca e polacca (il primo di Glazer non in inglese), il film segue appunto la vita quotidiana di questa famiglia, composta dal comandante del campo di Auschwitz, Rudolph Höss (Christian Friedel), sua moglie Hedwig (Sandra Huller) e quattro figli. Cosa accade? Nulla di straordinario rispetto a una normale famiglia, la vita scorre come se nulla fosse, le madri passeggiano con le loro figlie, gli ufficiali mangiano i loro ricchi pasti in mensa e la burocrazia negli uffici segue il suo corso. Certo a casa Höss spesso Rudolph riunisce i suoi sottoposti per studiare un nuovo forno crematorio piu' efficace dei precedenti, ma nessuno direbbe che e' una cosa sbagliata. Tutto intorno invece un'altra vita, se si puo' chiamare vita: centinaia e migliaia di esseri umani seppelliti nelle fosse dopo essere stati accolti nelle camere a gas. Un romanzo, quello di Martin Amis (scomparso nel maggio 2023), duro, crudo, rifiutato da un editore francese e da uno tedesco per il modo irriguardoso con cui trattava l'Olocausto, una visione ironica, satirica nel descrivere la persecuzione e lo sterminio sistematico di milioni di ebrei, con il focus sulla villetta accanto. In questo, film straordinario per il modo avvolgente con cui ci porta a capire cosa c'e' davvero dietro quel muro, e' ancora piu' straordinaria la colonna sonora. All'inizio e' solo un rumore sordo che neppure avverti bene, scoprendo solo poi che questo rumore continua impercettibilmente durante tutto il film. Solo alla fine pero' capisci cosa e' davvero: è il rumore della macchina dello sterminio a pieno regime.
    "Quando abbiamo iniziato a girare, circa nove anni fa La zona di interesse c'era un panorama mondiale totalmente diverso. E devo dire che i miei sentimenti sono alquanto complessi oggi rispetto a quello che sta succedendo anche perche' gli scenari cambiano velocemente", aveva detto alla Festa di Roma il 23 ottobre scorso in una applaudita masterclass. Perchè continuano a ripetersi questi orrori? "La storia è destinata a ripetersi. Per questo parlo di olocausto, ma non lo faccio mai vedere se non con gli occhi della mente. Bisogna fermare il circolo vizioso, distaccarci dalla sofferenza per riflettere. Anche se l'olocausto e' successo ottant'anni fa questo non ci deve far sentire sicuri. Questa sicurezza e' sbagliata perche' la cosa importante e' affrontare la violenza dentro di noi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza