Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Torino, protesta ambientalisti al meeting dell'aerospazio

Torino, protesta ambientalisti al meeting dell'aerospazio

Secondo blitz di Extinction Rebellion in due giorni

TORINO, 29 novembre 2023, 09:18

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Cinque attivisti di Extinction Rebellion e Fridays for Future si sono appesi questa mattina dal tetto dell'Oval, a Torino, dove si sta svolgendo l'Aerospace and Defence Meeting. Gli ambientalisti reggevano uno striscione con la scritta "Qui si finanzia guerra e crisi climatica". Si tratta della seconda azione degli ambientalisti, dopo quella di ieri, che all'alba si sono calati su tetto, imbragati in sicurezza e si sono appesi a decine di metri da terra con in mano lo striscione, mentre chi è rimasto sul tetto ne aveva uno più piccolo con la scritta 'Stop war now'.
    
"Ci troviamo in un momento storico in cui le alluvioni, le tempeste, le ondate di calore provocano sempre più vittime, anche in Italia. Diventa quindi impensabile continuare a investire denaro nella direzione opposta, in guerre distruttive e in progetti di colonizzazione di altri ambienti terrestri", spiega Mang, portavoce nazionale di Fridays for Future. "Mentre il pianeta va a fuoco, chi governa preferisce investire in armi", aggiunge Asia di Extinction Rebellion.
    Sul posto sono intervenuti con le autoscale i vigili del fuoco.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza