Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sulcis in mobilitazione, 'servono nuove strategie per il futuro'

Sulcis in mobilitazione, 'servono nuove strategie per il futuro'

Sindacati e sindaci in piazza, 'urgono garanzie occupazionali'

PORTOSCUSO, 31 ottobre 2023, 17:25

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Aprire tavoli di concertazione per disegnare le strategie per lo sviluppo del territorio e superare le emergenze del settore industriale del Sulcis. Le date di scadenza per rimanere aggrappati alle produzioni industriali e per scongiurare nuovi drammi occupazionali e sociali si susseguono e così Cgil, Cisl e Uil hanno riunito i sindaci del territorio in un'assemblea pubblica a Portoscuso per fare il punto della situazione e sollecitare l'istituzione di un tavolo territoriale specifico per il Sulcis e per il polo industriale, esteso a tutti i livelli istituzionali, a partire dal governo nazionale, e definire un nuovo accordo di programma.
    Alcune convocazioni dei tavoli starebbero già in arrivo, tra le quali una il 7 novembre in Regione.
    "Sono due le scadenze imminenti - osserva Renato Tocco della Uilm - una è di oggi con una ventina di contratti in scadenza alla Sider Alloys che attende che vengano trasferite le risorse da parte del Mef. Ma occorre anche mettere in sicurezza i lavoratori diretti e indiretti della Portovesme srl: senza una deroga alla cassa integrazione ordinaria e straordinaria questi operai si troveranno senza paracadute sociale. Più lontana, ma sempre dietro l'angolo, la scadenza del 31 dicembre 2025, quando è prevista lo spegnimento della centrale Enel a causa del phase-out".
    "Abbiamo la necessità di aprire alcuni tavoli tecnico per mettere in sicurezza i lavoratori impegnati in alcune vertenze, tra le quali la Portovesme Srl, la centrale Enel e la Sider Alloys - osserva Giuseppe Masala della Fsm del Sulcis - c'è la necessità di dare una prospettiva di futuro al territorio con lo sblocco di tutte le infrastrutture necessarie: l'escavo del porto, la mancanza del gas le risorse del Just transition fund e Pnnr e il polo della nautica come alternativa all'industria esistente. ma serve anche formare i lavoratori sulle competenze e professionalità che mancano sul territorio".
    Per Roberto Forresu della Fiom Cgil "la protesta riguarda la mancata politica industriale: alle dichiarazioni dei politici a tutti i livelli non sono seguiti i fatti. Si dice che le produzioni del Sulcis, che non sono in crisi, sono strategiche ma l'Italia che non rinuncia a queste materie prime rinuncia a produrre in casa. Sono scelte che hanno risvolti a lungo termine e hanno portato a una crisi sociale ed economica del territorio, con rischio di chiusura del polo industriale di Portovesme e con oltre mille lavoratori con ammortizzatori sociali".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza