Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cagliari; Pavoletti 'prima vittoria in A aspettava me'

Cagliari; Pavoletti 'prima vittoria in A aspettava me'

Il bomber sardi:'voglio la salvezza, non mi sento ancora finito'

ROMA, 30 ottobre 2023, 17:17

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Si racchiude tutto nell'amore per Cagliari. Era giusto subito tornare in Serie A e ieri per chiudere un po' il cerchio, sembrava che la prima vittoria in Serie A aspettasse di nuovo me". Il giorno dopo il pazzesco 4-3 in rimonta da 0-3 di Cagliari-Frosinone, il bomber dei sardi Leonardo Pavoletti, autore delle decisiva doppietta nel finale si racconta a Radio-Tv Serie A con Rds. "Ad inizio partita ero fiducioso di vincere, poi quando mi sono ritrovato in campo sul 3-2 - afferma il centravanti del Cagliari - mi sono detto che avrei dovuto metterci lo zampino. Sono quelle partite che possono dare il là ad una stagione diversa, ci mancava ritrovare queste sensazioni belle di cuore, di voglia, di caparbietà, è stata una vittoria cercata e voluta da tutti".
    Poi Pavoletti parla del rapporto con padre e il calcio: "Se mi fossi tolto la maglia nell'esultanza mio padre non me l'avrebbe perdonata, è molto severo, mi manda un papiro a fine partita.
    Lui è veramente il mio fuoco, a volte io non credo a quello che crede lui, mi vede ancora il Pavoletti da 20 gol ed è il mio motore. Ieri però mi ha riempito di complimenti. Mio padre giocava a tennis e lui era il mio eroe, infatti ho iniziato col tennis e solo a 10 anni mi sono dato al calcio. Poi in adolescenza ho provato anche il rugby e me la cavavo bene".
    L'obiettivo stagionale? "Sono all'ultimo anno di contratto e, se dovesse essere l'ultimo, il mio sogno sarebbe fare di tutto per far salvare il Cagliari e lasciare nel migliore dei modi. Stare qui è un regalo ogni giorno, il minimo che posso fare è dare il mio contributo con i gol e con la mia presenza nello spogliatoio, c'è tanto valore umano nella nostra squadra, un allenatore che non ha bisogno che lo presento io e un ambiente serio, non sarà facile ma possiamo farcela".
    Infine Pavoletti risponde ad una domanda sul suo ruolo alla Altafini: "Io vorrei sempre giocare, dico la verità, ma come faccio a dire al mister cosa fare che le indovina tutte? Mi faccio degli esami di coscienza, ad inizio stagione non ero in formissima, di solito il mio vero campionato parte ad ottobre, quindi sono in linea. Non mi sento ancora finito, credo di poter dare ancora qualcosa".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza