Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pronta riforma trasporto pubblico locale, nasce il bacino unico

Pronta riforma trasporto pubblico locale, nasce il bacino unico

Servizi su gomma a enti locali, Ferrovie restano a Regione

CAGLIARI, 27 ottobre 2023, 13:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un bacino unico di mobilità governato da un ente partecipato da Regione, Province, Città metropolitane, dai comuni capoluogo di Provincia, dai comuni città medie e dalle Unioni di comuni per gestire il trasporto pubblico locale in maniera coordinata.
    Ricadranno nel bacino unico e di competenza dell'ente di governo solo i servizi su gomma che si svolgono nel territorio regionale, mentre quelli ferroviari e metrotranviari rimarranno di competenza regionale. E' il fulcro del disegno di legge approvato dalla giunta regionale che ha previsto - come ha spiegato l'assessore regionale dei Trasporti, Antonio Moro, alla tavola rotonda organizzata a Cagliari dalla Fit Cisl - "un cronoprogramma di 36 mesi per garantire l'implementazione e l'efficacia delle norme contenute nel provvedimento".
    Le quote di partecipazione della Regione e degli altri enti sono determinate tenendo conto dell'estensione territoriale e della morfologia del territorio, della popolazione residente di ciascun ente partecipante e del riconoscimento di un'adeguata rappresentanza ai diversi livelli istituzionali.
    Il nuovo ente avrà come organi l'assemblea, il consiglio di amministrazione, il presidente del consiglio di amministrazione, l'organo di revisione e si doterà di un direttore generale.
    L'assessore dei Trasporti provvederà a trasferire all'ente di governo i contratti di servizio di trasporto pubblico locale su gomma attualmente in capo alla Regione definendo le modalità di trasferimento delle risorse per il finanziamento dei contratti.
    Secondo quanto prevede il ddl, l'ente di governo potrà utilizzare "gli strumenti della programmazione negoziata per garantire la corretta attuazione nel bacino di mobilità delle politiche strategiche regionali, assicurando un'adeguata integrazione tra la programmazione del servizio ferroviario regionale e quella delle altre modalità di trasporto, definendo anche il concorso finanziario delle parti per la realizzazione di interventi di riorganizzazione e di riqualificazione del trasporto pubblico locale".
    "Ora serve un fronte comune tra aziende, sindacati ed enti locali per rappresentare all'assemblea sarda l'urgenza e la non rinviabilità di un provvedimento atteso da anni - ha detto Moror - Bisogna accelerare perché questo ddl possa essere approvato entro il 31 dicembre".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza