Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Portovesme, sindacati in pressing sul Mimit 'subito un incontro'

Portovesme, sindacati in pressing sul Mimit 'subito un incontro'

'Riprendere le fila del confronto e fare il punto su vertenza'

PORTOSCUSO, 10 ottobre 2023, 13:40

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una richiesta di convocazione urgente per fare il punto sullo stato della vertenza Portovesme srl: è quanto chiede il gruppo di lavoro sindacale al tavolo del Mimit, con una lettera inviata stamattina al ministro Urso e alla sottosegretaria Bergamotto.

"La vertenza non ha conosciuto alcuna evoluzione positiva e, a distanza di tre mesi, anche alla luce delle recenti dichiarazioni rese dal ministro sulla mancata presentazione di un piano industriale da parte di Glencore - scrivono Fausto Durante (Cgil Sardegna), Emanuele Madeddu (Filctem Sardegna Sud Occidentale), Antonello Saba (Cisl Sulcis Iglesiente), Vincenzo Lai (Femca Cisl Sud Sardegna), Federico Matta (Uil Sulcis Iglesiente) e Pierluigi Loi (Uiltec Uil) - è quanto mai urgente riprendere le fila del confronto".

Nella lettera, il richiamo ai punti prioritari: "In merito alla sostenibilità ambientale delle nuove produzioni previste nei progetti di riconversione, era stato sottolineato che la sicurezza, la salute dei lavoratori e dei cittadini e la tutela ambientale non sono oggetto di contrattazione e che, quindi, gli enti preposti dovranno approfondire ed esprimersi nel dettaglio sulle proposte della multinazionale". Un punto fermo anche in riferimento alle "doverose procedure autorizzative riguardo un possibile percorso di riconversione disposte di recente dalla Regione".

E ancora, i sindacati ricordano le precondizioni poste nel corso delle riunioni al ministero: il riavvio della linea zinco per garantire la transizione in attesa del possibile switch tecnico, la creazione di una filiera per incrementare l'occupazione e le prospettive industriali, l'inserimento nel percorso di riconversione dello stabilimento di San Gavino. "Val la pena ricordare che nel corso del confronto, in particolare nella riunione del 17 maggio - scrivono - era emersa da parte dell'azienda un'apertura rispetto alla riattivazione, seppur graduale, della linea zinco, sulla quale, invece, non è stato fatto alcun passo avanti. In merito allo stabilimento di San Gavino, si è compiuta per circa un mese una sperimentazione della quale, al momento, non c'è un riscontro ufficiale".
 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza