Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Abusi sui minori on line, 10 arresti e 29 indagati

Abusi sui minori on line, 10 arresti e 29 indagati

Coinvolti anche due medici e due appartenenti alle forze armate

MILANO, 23 novembre 2023, 17:40

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Polizia, coordinata dalla Procura di Milano, ha smantellato un'associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento e all'abuso di minori online. Sono 29 gli le persone identificate dal Centro operativo per la sicurezza cibernetica della Postale milanese, tra i quali due appartenenti alle forze armate in servizio nel Lazio e due medici che esercitano in Emilia-Romagna e Veneto. Dieci gli arrestati per il possesso di ingente quantitativo di materiale pedopornografico, residenti a Milano, Imperia, Rovigo, Busto Arsizio (Varese), Martinengo (Bergamo), Taranto, Vicenza, Torre Annunziata (Napoli) e Parma.
    Oltre 150 uomini della Polizia hanno eseguito perquisizioni e arresti in tutta Italia dopo un'indagine sotto copertura online durata oltre un anno e che ha consentito agli investigatori del Cosc della Polizia Postale di Milano, di dare un nome ai nickname utilizzati dagli indagati per rimanere nell'anonimato della rete. Costoro, sfruttando le potenzialità della piattaforma Telegram, partecipavano a "canali" e "gruppi" finalizzati alla produzione e alla condivisione di foto e video ritraenti violenze sessuali su minori, bambine e bambini e, in alcuni casi, anche neonati. Avevano creato una rete, stando alla ricostruzione degli investigatori della Postale, all'interno di un gruppo Telegram creato ad hoc e regolato da severe regole per preservare l'anonimato: ognuno aveva ruoli e compiti ben precisi: promotori, organizzatori, partecipi che costituivano un'associazione a delinquere finalizzata ad acquisire e diffondere il materiale pedopornografico.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza