Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Raccogliere legna dal fiume Misa per prevenire alluvioni

Raccogliere legna dal fiume Misa per prevenire alluvioni

Presentato a Senigallia progetto sperimentale

SENIGALLIA, 01 dicembre 2023, 17:31

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Rimuovere la legna da letti dei fiumi e aree alluvionali per dare più sicurezza ai territori, ridando centralità al ruolo di agricoltori e allevatori, e valorizzare i materiali legnosi che altrimenti finirebbero in discarica. E' il progetto sperimentale "Prendiamoci cura del Misa-Raccogliere per contenere, promuovere, prevenire", presentato oggi a Senigallia (Ancona), nato dalla collaborazione tra Coldiretti, Federforeste, Consorzio di Bonifica e aziende agricole del territorio. Una decina le realtà agricole che hanno aderito alla sperimentazione, dopo l'alluvione del 2022 causò 13 morti e danni per due miliardi di euro. Danni causati anche dagli ostacoli che i fiumi Misa e Nevola incontrarono lungo il loro percorso durante la piena: enormi quantità di tronchi, rami e detriti vegetali trascinati nei pressi dei ponti lungo la vallata, provocando esondazioni che invasero strade, abitazioni e aziende. Il progetto intende ripulire il fiume Misa, permettendo a agricoltori e allevatori di prelevare la legna per trasformarla in energia a costo zero. Secondo Andrea Montresor, coordinatore territoriale di Federforeste, "negli ultimi cento anni ci sono state almeno 44 alluvioni. E' ora di passare a un modello che possa contribuire alla prevenzione, in collina, nelle vallate, n montagna. Una soluzione che può creare anche reddito ed energia per tante persone". Soddisfatto anche Mirco Carloni, presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati. "In passato allevatori e agricoltori si prendevano cura di fossi e fiumi, raccogliendo la legna, un fatto scontato ma poi divenuto oggetto di tensioni. In attesa che si faccia la manutenzione straordinaria dobbiamo riprendere quello che è il sano e naturale rapporto tra ambiente e agricoltore, che per me rimane il bioregolatore vero del nostro sistema ambientale" ha concluso Carloni, sottolineando l'importanza della filiera del legno. Promotrice dell'iniziativa poi sfociata nel Decreto Legna con un fondo di 500mila euro, è la Coldiretti. Ma secondo la presidente regionale Maria Letizia Gardoni, il ruolo degli agricoltori come custodi del territorio è stato "ostacolato negli ultimi anni da un ideologismo ambientale estremo e burocrazia".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza