/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ambulante ucciso, condanna a 24 anni carcere per omicidio

Ambulante ucciso, condanna a 24 anni carcere per omicidio

Sentenza Corte d'Assise Macerata a carico dell'imputato 33enne

MACERATA, 28 settembre 2023, 09:20

Redazione ANSA

ANSACheck

Alika Ogorchukwu - RIPRODUZIONE RISERVATA

Alika Ogorchukwu - RIPRODUZIONE RISERVATA
Alika Ogorchukwu - RIPRODUZIONE RISERVATA

La Corte d'Assise di Macerata ha condannato Filippo Ferlazzo, 33 anni, originario di Salerno, a 24 anni di reclusione per l'omicidio volontario aggravato dell'ambulante nigeriano Alika Ogorchukwu, avvenuto a Civitanova Marche il 29 luglio 2022. La vittima aveva chiesto l'elemosina all'imputato e alla compagna, a cui aveva toccato un braccio: Ferlazzo lo aveva colpito con la stampella che il nigeriano usava per camminare, poi era salito sopra di lui a cavalcioni, schiacciandogli il collo e la testa. 


   

Imputato: 'Ho avuto solo 6 anni di sconto'

"Ho avuto solo sei anni di sconto": è stato il commento pronunciato a caldo da Filippo Ferlazzo, 33enne di Salerno, subito dopo la lettura della sentenza emessa dai giudici della Corte di assise di Macerata, che lo ha condannato a 24 anni di reclusione per omicidio volontario dell'ambulante nigeriano, Alika Ogorchukwu. A riferirlo ai giornalisti è stata la sua legale di difesa, l'avvocatessa Roberta Bizzarri che ha aggiunto: "Filippo lo avevo preparato anche all'eventualità di una condanna all'ergastolo che nella sua mente equivale a 30 anni di reclusione e quindi, la sua è una battuta che vale per quello che vale". Sulla sentenza l'avvocato Bizzarri si è detta "soddisfatta, visto che era stato chiesto il massimo della pena, ma occorrerà leggere le motivazioni". Ha riferito di pensare al ricorso, facendo intendere però che è una decisione ancora da maturare. In sede di arringa conclusiva, l'avvocatessa aveva chiesto per il proprio assistito una struttura detentiva alternativa al carcere, "ma i giudici - ha spiegato - hanno detto che ad oggi non ci sono elementi sufficienti per valutare un'uscita dal carcere".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza