Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In Lombardia programma triennale della cultura da 126 milioni

In Lombardia programma triennale della cultura da 126 milioni

Digitalizzazione, aumento offerta e rilancio Film Commission

MILANO, 05 dicembre 2023, 19:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Via libera al Programma triennale per la cultura 2023-2025 della Lombardia che prevede un totale di 126 milioni di euro investiti nei prossimi tre anni.
    L'obiettivo è quello di tutelare il patrimonio culturale lombardo, valorizzare le tradizioni delle comunità e coinvolgere la popolazione nell'approfondimento di temi come la rigenerazione, la sostenibilità e l'innovazione.
    Il piano prevede l'aumento dell'offerta culturale sia in termini quantitativi che qualitativi e in parallelo la crescita della fruizione culturale specie per le categorie più fragili, "rendendo i siti più accessibili".
    L'impegno sarà rivolto anche alla digitalizzazione del patrimonio culturale e alla promozione del patrimonio artistico degli enti del sistema regionale, in particolare delle aziende sanitarie e delle fondazioni ospedaliere che sono proprietarie di un alto numero di beni artistici. Attenzione anche al rilancio di Lombardia Film Commission attraverso una revisione della governance e della struttura organizzativa.
    Un "piano innovativo" secondo l'assessore regionale alla Cultura Francesca Caruso, convinta che "il primo e più importante passo è quello di far comprendere alla comunità lombarda di trovarsi in una grande Regione culturale".
    Per il consigliere Davide Casati (Pd) il piano è "un buon punto di partenza. Il punto debole è l'incapacità di sostenere in modo strutturale le piccole realtà culturali a causa delle poche risorse".
    Voto contrario da Avs perché "Regione non vuole occuparsi delle condizioni di lavoro delle persone che operano nel settore cultura - conclude il consigliere Onorio Rosati - per rispondere alle esigenze dei lavoratori che hanno manifestato in queste settimane per le condizioni di lavoro poco dignitose".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza