Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Istat, in Liguria il benessere è più basso del Nord-ovest

Istat, in Liguria il benessere è più basso del Nord-ovest

Istat, 'la provincia più svantaggiata della Regione è Imperia'

GENOVA, 28 novembre 2023, 15:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il livello di benessere nelle province liguri è inferiore rispetto al complesso dei territori del Nord-ovest e prossimo a quello dell'Italia. Lo rileva un report dell'Istat sul benessere equo e sostenibile in base a 70 indicatori, dalla salute all'istruzione, dal lavoro alle relazioni sociali, dalla sicurezza all'ambiente, fino alla qualità dei servizi. Nella classifica delle province italiane divise in 5 classi di benessere relativo (bassa, medio-bassa, media, medio-alta e alta), nell'ultimo anno di riferimento il 39,7% degli indicatori colloca le province liguri nella classe alta e medio-alta, a fronte del 50,1% del Nord-ovest e del 42,7% dell'Italia.
    La Liguria si colloca sopra la media europea per tre dei nove indicatori di benessere equo e sostenibile dei territori disponibili per il confronto: speranza di vita alla nascita e mortalità infantile nel dominio Salute, rispettivamente al 34mo e 97mo posto su 234 regioni, partecipazione elettorale nel dominio Politica e istituzioni, all'83mo posto su 226 regioni.
    Tutti i restanti indicatori, nei domini Istruzione e formazione, Lavoro e conciliazione dei tempi di vita, Ambiente e Innovazione, ricerca e creatività sono su livelli più bassi della media Ue27. Nell'ultimo anno i livelli di benessere relativo maggiori si osservano nella città metropolitana di Genova. La provincia più svantaggiata della regione è Imperia, che nell'ultimo anno si trova nelle due classi di coda della distribuzione nazionale per il 44,3 per cento degli indicatori.
    Il tasso di emigrazione ospedaliera in altra regione è superiore alla media del Nord-ovest e a quella Italia in tutte le province. Punti di debolezza emergono anche nel dominio Ambiente, segnalati in particolare dagli indicatori sulla popolazione esposta ai rischi frane ed alluvione e da quelli sulla produzione e sulla raccolta differenziata dei rifiuti.
    Inferiore al valore medio nazionale in tutte le province anche la quota di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza