Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rigassificatore, Comune Savona ricorrerà al Tar

Rigassificatore, Comune Savona ricorrerà al Tar

Contro esclusione dalla Conferenza dei servizi

SAVONA, 27 novembre 2023, 14:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La giunta di Savona ha approvato una delibera che autorizza il sindaco a proporre ricorso al Tar contro il provvedimento di esclusione del Comune di Savona dalla Conferenza dei Servizi per il rigassificatore. "La nostra esclusione - ribadisce il sindaco Marco Russo - è una decisione insensata che conferma l'assurdità di tutta questa vicenda, perché non è pensabile che il Comune di Savona non venga ritenuto toccato da questo progetto". La delibera, che affida il compito di rappresentare l'ente all'avvocato Francesco Dal Piaz, legale specializzato in materia ambientale, ripercorre la cronologia degli ultimi mesi elencando la richiesta del Comune del 12 settembre "di essere formalmente invitato a partecipare all'iter di Conferenza dei servizi", il rigetto dell'istanza del Comune da parte della struttura commissariale del 3 ottobre, la contrarietà al progetto espressa all'unanimità dal Consiglio Comunale che, inoltre, impegnava "il sindaco a compiere ogni azione politico-amministrativa utile al fine di sostenere le esigenze del territorio" del 14 settembre.
    "La nostra posizione di assoluta contrarietà al progetto - aggiunge Russo - è ormai nota da tempo ed è in linea con i Comuni e i cittadini del comprensorio. La decisione presa oggi in giunta conferma la linea. Ribadisco quanto abbiamo sempre detto: è un progetto profondamente sbagliato e non correggibile perché contrario al nostro disegno di sviluppo. Lo spostamento della Golar Tundra da Piombino non è giustificato da alcuna ragione tecnica e i costi aggiuntivi in bolletta derivanti dall'eventuale spostamento, su cui anche Eni invita a riflettere, sono, indipendentemente dal loro ammontare, insostenibili nella misura in cui sono inutili".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza