Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Scoperta a Palermo rarissima incisione su disegno Van Dick

Scoperta a Palermo rarissima incisione su disegno Van Dick

È una S.Rosalia del 1629. Il ritrovamento a Palazzo Branciforte

ROMA, 22 febbraio 2024, 16:23

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un rarissimo esemplare della raccolta di incisioni realizzate nel 1629 da Philips de Mallery su disegni di Antoon van Dyck, che ha per soggetto Santa Rosalia è stato ritrovato a Palermo nella Biblioteca di Palazzo Branciforte, sede della Fondazione Sicilia. Intitolata S.
    Rosaliae Virginis Panormitanae Pestis Patronæ iconibus expressa, incisore Cornelius Galle, Antwerp (Anversa), l'incisione è stata individuata nel fondo di libri antichi custodito nella Biblioteca del Palazzo dai professori Maria Concetta Di Natale e Sergio Intorre.
    Si trovava, spiegano all'ANSA i ricercatori, all'interno della quinta edizione del 1708 della raccolta di preghiere dedicate a Santa Rosalia "Corona di rose e gigli intrecciata di varie Divozioni da offerirsi alla Gloriosissima Romitella S.
    Rosalia Vergine Palermitana" del Padre Gesuita Domenico Stanislao Alberti, dove era stato rilegato nel tempo insieme al volumetto dell'Alberti. "Un ritrovamento che rappresenta un eccezionale arricchimento alla nostra comprensione dell'iconografia di Santa Rosalia e testimonia il costante impegno della Fondazione Sicilia nella ricerca e nella valorizzazione del patrimonio culturale siciliano", commenta il presidente della Fondazione Sicilia Raffaele Bonsignore, sottolineando che si tratta di una "individuazione assolutamente eccezionale che restituisce alla storia dell'arte un vero e proprio tesoro nascosto". L'edizione, che si aggiunge ai due altri esemplari finora conosciuti nella Bodleian Library di Oxford e nella Landesbibliothek di Oldenburg, è stata individuata da Di Natale e Intorre durante le ricerche scientifiche propedeutiche alla realizzazione della mostra "Le Estasi di Santa Rosalia", allestita dal 24 febbraio al 19 maggio, nella Pinacoteca di Villa Zito.
    La scoperta verrà illustrata domani, a Villa Zito, alle 10.30 nella conferenza stampa di presentazione della rassegna. "Le estasi di Santa Rosalia", con la direzione artistica di Laura Barreca, avvia una serie di iniziative di valorizzazione e promozione del patrimonio culturale che la Fondazione Sicilia ha in programma nel corso del 2024 nelle due sedi della Pinacoteca di Villa Zito e Palazzo Branciforte.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza