Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In Irlanda ad ammirare la magia dell'aurora boreale

In Irlanda ad ammirare la magia dell'aurora boreale

Nel 2024 non solo saranno più frequenti ma anche più luminose

03 febbraio 2024, 18:41

Redazione ANSA

ANSACheck

Irlanda - RIPRODUZIONE RISERVATA

Irlanda -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Irlanda - RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli esperti sostengono che il 2024 sarà l'anno dell'aurora boreale! Non solo saranno più frequenti ma anche più luminose. La ragione dell’intensificarsi del fenomeno è dovuta al fatto che il sole quest’anno giungerà al suo “massimo solare”, ovvero il picco del ciclo di 11 anni dando vita a tempeste (solari) particolarmente intense.
Le aurore boreali, Northern Lights, non sono un fenomeno visibile solo al Circolo Polare Artico. In Irlanda, ad esempio, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Nell’isola abbondano luoghi magici, ricchi di storia, punti panoramici, facili da raggiungere, immersi nella natura dove lasciarsi affascinare da questo spettacolare fenomeno naturale.
Il fenomeno delle Northern Ligths è visibile percorrendo la Wild Atlantic Way, nella contea del Donegal. Tra i suoi numerosi promontori, penisole e isole lo sguardo può spaziare senza confini. Ottimi punti di avvistamento dell'aurora boreale sono: Malin Head, Fanad Head, Inishowen Peninsula e Dunree Head.
Una suggestiva alternativa per i cacciatori di aurore la offre la famosa Causeway Coast, con il porto di Ballintoy, il tempio di Mussenden, che si affaccia su Downhill Beach o le rovine medievali del castello di Dunluce, luoghi che hanno fatto da scenografia alla serie TV Il Trono di Spade, regalano grandi spettacoli di luci e sono incantevoli da visitare in qualsiasi momento dell’anno.
L'isola più settentrionale di Irlanda, Rathlin, al largo della Causeway Coast, ha pochissimo inquinamento luminoso ed è un luogo attraente per allestire una postazione di avvistamento delle Northern Light. È anche un ottimo punto di osservazione di delfini e foche, partenza di escursioni immerse nella natura nell’attesa che cali la notte. Sebbene un punto elevato di osservazione lungo la costa sia la migliore postazione per godersi lo spettacolo dell’aurora boreale, anche alcune aree dell’interno offrono suggestivi avvistamenti. Ad esempio la contea di Antrim, la Slemish Mountain, dove San Patrizio visse per alcuni anni, è considerata dagli astrofotografi un luogo eccellente per le aurore.
Pochi sanno che in Irlanda esistono tre parchi “dark sky” letteralmente “cielo scuro”. E precisamente l’ “Om Dark Sky Park & Observatory” nella contea di Tyrone, il “Mayo Dark Sky Park” e la “Kerry International Dark Sky Reserve”. Offrono il cielo più buio (quindi privo di inquinamento luminoso)  dell’isola e le più emozionanti aurore boreali. Nell’attesa che il cielo si illumini si possono ammirare costellazioni e pianeti visibili anche ad occhio nudo.
Il momento migliore per vedere l’aurora boreale in Irlanda è entro il mese di marzo, il periodo in cui l'inclinazione assiale della terra è favorevole a cogliere i riflessi prodotti dall’incontro tra le particelle (elettroni e protoni) generate dal sole, il vento solare, e la nostra ionosfera. www.irlanda.com 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza