Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Quattro ex dirigenti Twitter fanno causa a Musk per la liquidazione

Quattro ex dirigenti Twitter fanno causa a Musk per la liquidazione

Dovrebbe loro complessivamente oltre 128 milioni di dollari

ROMA, 05 marzo 2024, 14:44

Redazione ANSA

ANSACheck
Quattro ex dirigenti Twitter fanno causa a Musk per la liquidazione © ANSA/AFP
Quattro ex dirigenti Twitter fanno causa a Musk per la liquidazione © ANSA/AFP

Elon Musk, ceo di X RIPRODUZIONE RISERVATA © ANSA/EPA

Quattro ex alti dirigenti di Twitter hanno fatto causa a Elon Musk in California, affermando che il patron della piattaforma denominata ora X deve loro una liquidazione complessiva di oltre 128 milioni di dollari. Si tratta di Parag Agrawal, ex amministratore delegato, Ned Segal, ex direttore finanziario, Vijaya Gadde, ex responsabile legale; e Sean Edgett, ex consigliere generale.

I dirigenti, che hanno guidato l'azienda durante un lungo e talvolta ostile processo di acquisizione in cui hanno fatto causa al miliardario perché portasse a termine l'operazione dopo che aveva cambiato idea, affermano che Musk li ha licenziati per colpa grave e dolo, cosa che negano. All'epoca il nuovo patron di Twitter sostenne di averli licenziati per giusta causa e che non doveva pagare la liquidazione. "Questa e' la strategia di Musk: trattenere i soldi che deve ad altre persone e costringerli a fargli causa", sostengono i ricorrenti. "Anche in caso di sconfitta, Musk può imporre ritardi, seccature e spese ad altri che non possono permetterselo", aggiungono.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza