Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Costringe la nipote a subire violenza, arrestato un giovane

Costringe la nipote a subire violenza, arrestato un giovane

Indagini avviate dopo note di insegnanti e servizi sociali

POTENZA, 27 novembre 2023, 16:01

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un giovane di 18 anni è stato arrestato dalla Polizia, in un paese della provincia di Potenza, perché ha costretto la nipote, di 13 anni, "a subire un rapporto sessuale completo, profittando di circostanze di tempo e di luogo tali da ostacolare la privata difesa". Il fatto è avvenuto nello scorso mese di ottobre.
    Le indagini sono cominciate dopo che la Procura della Repubblica di Potenza ha ricevuto una nota dei servizi sociali del Comune dove la vittima vive, "in cui si dava conto delle segnalazioni inviate dalle insegnanti che avevano raccolto le confidenze della ragazza". Gli investigatori hanno interrogato le insegnanti con le quali la ragazza si era confidata, la madre e una sua amica e, "in audizione protetta, la compagna di banco della vittima", che è stata ascoltata, con la stessa modalità protetta, dal sostituto procuratore che coordina l'inchiesta.
    All'adozione, da parte del gip, dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere si è arrivati in virtù del "grave quadro indiziario" raccolto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza