Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Supercomputer e IA per prevenire disastri naturali

Supercomputer e IA per prevenire disastri naturali

Il Consorzio Hpc4dr riunisce atenei e centri di ricerca

L'AQUILA, 13 ottobre 2023, 18:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I principali enti pubblici di ricerca e le università di Abruzzo, Marche e Molise, al lavoro insieme nel Consorzio Hpc4dr, un progetto volto alla riduzione del rischio di catastrofi e disastri naturali o antropogenici attraverso l'uso di un'infrastruttura tecnologica di calcolo ad alte prestazioni, con tanto di utilizzo di supercomputer e di intelligenza artificiale.
    Il Consorzio è stato presentato oggi, in occasione della Giornata internazionale per la riduzione del rischio di disastri, in un incontro al rettorato dell'Università dell'Aquila. "Abbiamo sperimentato direttamente - ha detto il rettore Univaq Edoardo Alesse - cosa vuole dire resilienza e ricostruzione dopo un disastro naturale, di cui, arrivando a L'Aquila, avrete notato ancora i segni. Oltre all'interdisciplinarietà, ritengo che sia fondamentale l'aspetto di cross-regionalità dei territori coinvolti dal Consorzio".
    Lelio Iapadre, docente dell'ateneo aquilano e presidente del Consorzio, ha poi illustrato i passaggi e le motivazioni che hanno spinto alla realizzazione di Hpc4dr. "Il Consorzio - ha detto - si propone di mettere a disposizione della comunità internazionale il patrimonio di esperienze e competenze accumulato nei sistemi territoriali delle tre regioni in cui opera per quanto riguarda la resilienza ai disastri naturali e antropogenici. L'organizzazione delle ricerche - ha aggiunto - è simile a quella di una catena del valore, in cui a monte si trovano le analisi scientifiche volte a valutare probabilità e pericolosità dei disastri, come input utili per la valutazione della vulnerabilità e dell'esposizione dei territori, per la preparazione e la gestione delle emergenze di protezione civile e per i processi di ricostruzione materiale e immateriale".
    Il Consorzio riunisce i principali enti pubblici di ricerca (Cnr, Inaf, Infn, Ingv) e otto università delle regioni Abruzzo, Marche e Molise. "Ci è sembrato naturale - ha detto poi la rettrice Gssi - viste le esperienze vissute con le vicende che hanno colpito il Centro Italia e la localizzazione dei centri di ricerca e delle università coinvolte, pensare di realizzare un centro nazionale in cui i temi dei disastri naturali e del rischio di catastrofi fossero centrali".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza