Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Valanghe, autosoccorso e Artva, torna 'Maiella l'altra neve'

Valanghe, autosoccorso e Artva, torna 'Maiella l'altra neve'

Lezioni per 24 partecipanti da Abruzzo, Puglia ed Emilia-Romagna

PRETORO, 07 marzo 2023, 15:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Tre giorni di lezioni teoriche e attività sul campo - ricerca ARTVA, sondaggio, tecnica di scavo, analisi stratigrafica, meteorologia, bollettino meteomont, gestione sanitaria - con la simulazione di uno scenario a cui tutti gli allievi hanno partecipato, sperimentando concretamente le difficoltà oggettive che può incontrare la macchina dei soccorsi sulla neve. E' il corso "Valanghe, autosoccorso e Artva" che si è svolto sulla Maielletta, nel Parco Nazionale della Maiella, dal 3 al 5 marzo nell'ambito dell'ottava edizione dell'evento "Maiella l'altra neve".
    I 24 partecipanti - provenienti da Abruzzo, Puglia ed Emilia-Romagna - hanno svolto un processo formativo sull'uso delle attrezzature di autosoccorso in caso di incidente da valanga e su come prevenire il rischio di essere travolti, in attuazione del Decreto legislativo 40/2021 "Sicurezza nelle discipline sportive invernali" (in vigore dal 1° gennaio 2022) che prevede (art. 26 comma 2) l'obbligo di munirsi dei dispositivi elettronici di segnalazione e ricerca, con pala e sonda, per "garantire un idoneo intervento di soccorso".
    Il corso è stato organizzato dal CAI di Arsita (Gruppo Grotte), dalla Scuola Alpinismo e Scialpinismo "Nestore Nanni" del CAI dell'Aquila e dal Parco Nazionale della Maiella, con il patrocinio della Commissione Centrale Speleologia e Torrentismo del CAI e la partecipazione del Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzo (SASA), del Servizio Valanghe Italiano e dei tecnici Recco e Meteomont.
    Per la riuscita dell'evento è stata preziosa la collaborazione con il gestore degli impianti, società "Majelletta WE".
    Alfonso Ardizzi, vicepresidente regionale del Sasa e consigliere Nazionale Cnsas, insieme ai presidenti regionali Daniele Perilli, del Sasa, e Francesco Sulpizio, del Cai, ha rimarcato la necessità di incrementare la formazione per tutti i soci Cai, stimolando gli organi centrali a un aumento delle risorse. L'istruttore nazionale di alpinismo e scialpinismo Rubino De Paolis, direttore della Scuola "Nestore Nanni" del Cai L'Aquila e co-direttore del Corso insieme ad Ardizzi, si è soffermato sulle necessità di aumentare gli organici delle scuole del Cai, migliorando la vita associativa delle sezioni con un necessario ricambio generazionale.
    Il Delegato Alpino del Sasa Paolo Di Quinzio, che ha partecipato personalmente con altri tecnici sia alle lezioni pratiche sia al simulato di travolti in valanga, ha espresso soddisfazione per gli sforzi congiunti che hanno portato all'inaugurazione del campo Artva Training Maiella Geopark, utilissimo sia per appassionati e soci CAI sia per le numerose esercitazioni dei soccorritori, soffermandosi anche sulla nuova figura del Tco (Tecnico di Centrale Operativa) che avrà la formazione idonea a gestire efficacemente le chiamate di soccorso in ambiente impervio e innevato.
    Il direttore del Parco (che è anche soccorritore e qualificato CAI) Luciano Di Martino ha fatto notare che "l'Ente Parco non ha ovviamente tra i suoi compiti la sicurezza e la pubblica incolumità, ma l'incremento di queste attività outdoor rende tutti consapevoli della necessità di veicolare le giuste informazioni a più livelli per evitare incidenti e per indirizzare al meglio la sostenibilità del turismo nelle aree protette".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza