Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Comitato delle regioni in plenaria: "Cooperazione transfrontaliera modello vincente"

Amministratori in difesa delle macroregioni: "Modello che aiuta a creare sinergie"

Redazione ANSA

BRUXELLES - Macroregioni e Gruppi europei di cooperazione territoriale (Gect) "sono modelli di sviluppo rispetto ai quali con l'attuazione del Piano di ripresa e resilienza si è persa un'opportunità". A dirlo l'assessore agli Affari europei, l'Innovazione, il Pnrr e le politiche nazionali per la montagna della Valle d'Aosta, Luciano Caveri, durante un workshop sulle realtà di successo della cooperazione transfrontaliera tra le regioni europee.

L'ex presidente di regione ha criticato "le gestione troppo centralizzata dei fondi europei" messi a disposizione dell'ambito della ripresa post-pandemica. Ha anche sottolineato, insieme agli altri relatori, il potenziale di queste forme di cooperazione nate dal basso come modello con cui trasformare "la vicinanza territoriale in una piattaforma favorevole alla partecipazione della cittadinanza".

"Euroregioni e Gect sono dimensioni che aiutano a trovare soluzioni e sinergie, non solo in tempi di crisi, e a ritrovare lo spirito alla base del sogno dei nostri padri fondatori", ha aggiunto nel suo intervento Elisa Bertò, segretario generale del Gect dell'Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino. Il riferimento è al ruolo svolto dall'ente durante la pandemia nella creazione di una piattaforma di dialogo tra i governatori delle tre regioni coinvolte che ha favorito lo scambio di informazioni sulla diffusione della malattia.

"La collaborazione tra Paesi e regioni è un risultato in più per le imprese e per i cittadini che aspettano risposte adeguate dall'Unione europea", ha dichiarato a margine dell'incontro Andrea Putzu, consigliere regionale delle Marche. La regione è parte di una macroregione del Mar Adriatico che coinvolge realtà territoriali di dieci Paesi. La cooperazione in settori come turismo e trasporti che fa sedere a uno stesso tavolo esperti, amministratori regionali e locali e imprese di quest'area del Mediterraneo, rappresenta "il vero antidoto ai conflitti", ha rimarcato Raffaele Cattaneo, Sottosegretario alle relazioni internazionali della Regione Lombardia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: