Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tiziano 1508, gli esordi alle Gallerie dell'Accademia

Tiziano 1508, gli esordi alle Gallerie dell'Accademia

Percorso espositivo incentrato sui primi anni dell'attività

VENEZIA, 08 settembre 2023, 14:51

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono 17 le opere autografe di Tiziano e una decina di confronti con dipinti, incisioni e disegni di autori a lui contemporanei come Giorgione, Sebastiano del Piombo, Albrecht Dürer e Francesco Vecellio, sui cui a fulcro la mostra "Tiziano 1508. Agli esordi di una luminosa carriera". inaugurata oggi alle Gallerie dell'Accademia di Venezia fino al 3 dicembre.
    Nel 1508, in una Venezia dominata dalla fama di pittori quali Bellini e Giorgione, inizia a emergere la figura di Tiziano che presto oscurerà entrambi per notorietà. Proprio in quell'anno il giovane artista di Pieve di Cadore, quasi ventenne, intraprende una carriera pubblica che lo avrebbe, di lì a breve, trasformato nel pittore ufficiale della Repubblica Serenissima e in un punto di riferimento per la storia dell'arte dei secoli successivi. A ripercorrere questo preciso momento, in cui si data, secondo la testimonianza di Vasari, l'opera l'Arcangelo Raffaele e Tobia, è dedicato il percorso espositivo che si focalizza sui primi anni dell'attività di Tiziano e racconta la capacità dell'artista di assimilare componenti culturali diverse - in particolare giorgionesche, düreriane e michelangiolesche - e di indirizzare il linguaggio pittorico veneziano verso una commistione di naturalismo e classicismo.
    Tra i lavori esposti ci sono importanti prestiti, per esempio la grande stampa del Trionfo di Cristo della Bibliothèque nationale de France, il Cristo risorto degli Uffizi, la Madonna con il Bambino tra sant'Antonio da Padova e san Rocco del Museo del Prado e il Battesimo di Cristo dei Musei Capitolini. Molte opere - hanno evidenziato i curatori - sono state riscoperte grazie a nuove ricerche, indagini scientifiche e restauri.Un lavoro che ha portato a interessanti rivelazioni, come nel caso della tavola l'Angelo con tamburello, proveniente dalla Galleria Doria Pamphilj di Roma ed esposta per la prima volta in una mostra.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza