Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

"Basta morti sul lavoro", presidio Cgil e Uil ad Aosta

"Basta morti sul lavoro", presidio Cgil e Uil ad Aosta

Graziola (Fiom): "A volte nelle piccole aziende manca sicurezza"

AOSTA, 21 febbraio 2024, 15:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Anche ad Aosta gli edili e i metalmeccanici di Cgil e Uil hanno protestato per fermare "la strage sui luoghi di lavoro". Due ore di sciopero a un presidio davanti al palazzo di giustizia per chiedere al governo leggi ad hoc e atti concreti dopo l'incidente sul lavoro di venerdì scorso a Firenze, dove sono morti cinque operai. "Questo sciopero - spiega Fabrizio Graziola, segretario Fiom Cgil Valle d'Aosta - è nato dopo quello che è successo venerdì a Firenze, che è un fatto gravissimo. C'era un appalto, c'era la costruzione di un nuovo supermercato: cinque persone hanno perso la vita. Non si sapeva all'inizio neanche quanti fossero, chi fossero, che contratto avessero".
    "A quel punto - prosegue Graziola - i metalmeccanici e gli edili della Cgil hanno deciso di fare per la prima volta uno sciopero nazionale, per la prima volta in assoluto, di fare due ore in tutti i territori italiani, perché è giusto mettere l'attenzione su una questione, quella della salute e della sicurezza, che troppo spesso viene messa in disparte".
    La situazione in Valle d'Aosta è "un po' a macchia di leopardo. E' chiaro - spiega Graziola - che in molte aziende, soprattutto quelle strutturate, la salute e la sicurezza sono tenute in considerazione, dal sindacato chiaramente, ma anche dal datore di lavoro. Poi ci sono questioni legate alle aziende più piccole, quelle artigianali, che siano edili o metalmeccaniche, e a volte succede che la formazione obbligatoria che ci dovrebbe essere non sempre viene fatta in maniera puntuale, non sempre i mezzi di sicurezza vengono utilizzati da tutti. Compito nostro, quello del sindacato, soprattutto dei nostri delegati, dei nostri Rls-Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, nei luoghi di lavoro" è di "vigilare, ma anche far sì che ci sia una cultura della sicurezza, perché quello è un tema che riguarda tutti".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza