Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Scuola, calano le iscrizioni in Valle d'Aosta

Scuola, calano le iscrizioni in Valle d'Aosta

Crescono formazione e istituti professionali, in flessione i licei

AOSTA, 20 febbraio 2024, 16:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il calo demografico pesa anche sul mondo dell'istruzione. In Valle d'Aosta le iscrizioni al primo anno di scuola dell'infanzia 2024-2025 sono 727 (erano 729 nel 2023-2024), 159 in meno rispetto alle iscrizioni al primo anno della scuola primaria. I dati sono stati forniti nel corso di una conferenza stampa indetta dall'assessore al Sistema educativo, Jean-Pierre Guichardaz, insieme alla sovraintendente agli studi, Marina Fey. Dei 727 iscritti, 43 sono 'anticipatari' (gli alunni nati tra febbraio e aprile provengono da comuni con meno di 700 abitanti, in base a un apposito protocollo).
    Le iscrizioni al primo grado della scuola primaria passano da 857 a 886, della scuola secondaria di primo grado da 1.116 a 1.050 e di quella di secondo grado da 1.191 a 1.140.
    I licei e gli istituti tecnici restano le opzioni più scelte per la scuola secondaria di secondo grado ma sono in lieve calo: rispettivamente dal 48,8% al 48,2% e dal 28,7% al 27,2%.
    Crescono invece gli istituti professionali (dal 15,4% al 15,9%) e l'Iefp - istruzione e formazione professionale (dal 7,1% all'8,7%).
    Per l'anno scolastico 2024-2025 "alla luce del numero ridotto di iscrizioni" - che devono essere almeno di 12 - "probabilmente non saranno attivati il percorso quadriennale tecnico degli impianti elettrici (tre iscritti) e operatore elettrico - triennale (due iscritti)", entrambi dell'Iefp.
    A livello regionale inoltre, spiega la sovraintendenza, "non si è ritenuto opportuno, tenuto conto dei tempi stretti di presentazione della nuova offerta formativa nazionale (dicembre 2023), di avviare la sperimentazione della filiera tecnico-professionale 4+2 e di attivare il liceo 'Made in Italy', che prevede alcune modifiche rispetto al quadro orario dell'attuale Les (Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale)".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza